“La Chiesa non fa sociologia antimafia, ma converte”

Prediche sotto controllo antimafia? Anche il procuratore aggiunto di Napoli, Airoma, boccia il documento licenziato per conto del ministro Orlando da Melloni & Co. Che sa di accanimento e dimentica il giudice Livatino: “Scomodo e cattolico vero”. Chiesa complice dei boss? “Falso: vedo preti che nel nascondimento hanno favorito la conversione di molti mafiosi”. Come? Parlando dell’Inferno e combattendo il relativismo che genera la cultura mafiosa.

Continua a leggere ““La Chiesa non fa sociologia antimafia, ma converte””

Annunci

“La Chiesa è in piena confusione”, parola di esorcista

L’esorcista don Gino Oliosi, sacerdote vicino a don Luigi Giussani, parla dei rischi della Chiesa contemporanea e dell’attualità dell’esorcismo.

Continua a leggere ““La Chiesa è in piena confusione”, parola di esorcista”

Rifugiati, i “corridoi umanitari” non sono una risposta

Il 12 gennaio la CEI, la Comunità di Sant’Egidio e il governo italiano hanno firmato un Protocollo di intesa per l’apertura di corridoi umanitari che permettano di portare in Italia centinaia di profughi eritrei, somali e sud sudanesi attualmente ospitati in alcuni campi profughi in Etiopia. Non è una soluzione razionale. Vediamo il perché.

Continua a leggere “Rifugiati, i “corridoi umanitari” non sono una risposta”

E ora vietato “vendere” questo popolo

Da Avvenire ai politici, dopo il Family Day è tutta una gara a coprire con le menzogne la portata dell’evento al Circo Massimo. Per arrivare tranquillamente arrivare al vero obiettivo: l’accordo tra potere ecclesiastico e potere politico per arrivare alle unioni civili evitando le adozioni. Lo capiscano gli organizzatori del Family Day.

Continua a leggere “E ora vietato “vendere” questo popolo”

Tribunali di male in peggio. Dopo il rescritto papale, la circolare di Galantino

Quelli che bruciano i pascoli e sbranano le pecore. E la chiamano “pastorale”!

Continua a leggere “Tribunali di male in peggio. Dopo il rescritto papale, la circolare di Galantino”

Unioni civili, vescovi che hanno perso la memoria

Solo nove anni fa la CEI riteneva dovere dello Stato non riconoscere alcun tipo di legame che non fosse il matrimonio. Oggi invece il segretario della CEi ritiene doveroso che lo Stato riconosca le unioni gay (basta che non siano assimilate al matrimonio). Qualcosa evidentemente non quadra.

Continua a leggere “Unioni civili, vescovi che hanno perso la memoria”