Dottrina cattolica e omosessualità, il coraggio del card. Sarah

«Persone omosessuali e castità? Noi come sacerdoti e vescovi li umiliamo se non crediamo che possano conquistare questa virtù che è per tutti i discepoli». A sganciare l’atomica è il Cardinal Robert Sarah che non teme di nuotare controcorrente. Il Prefetto sconfessa la vulgata del pastoralmente corretto sull’omosessualità.

Continue reading “Dottrina cattolica e omosessualità, il coraggio del card. Sarah”

L’omoeresia è nella Chiesa: “Ecco da dove nasce, dove si nasconde e come si combatte”

Sono anni ormai che vescovi e addirittura intere conferenze episcopali sponsorizzano idee sulla sessualità contrarie all’insegnamento cattolico e all’uomo, diffondendo l’ideologia gender nelle scuole. McCusker, attivista pro life americano, spiega le radici del tradimento, il problema dei pontificati e perché il cuore della Chiesa è malato, legando quanto sta avvenendo alle apparizioni della Madonna a Fatima “che lì ci spiegò cosa sarebbe accaduto e come bisognava lottare”.

Continue reading “L’omoeresia è nella Chiesa: “Ecco da dove nasce, dove si nasconde e come si combatte””

L’allarme gay nei seminari parte da Dublino

La clamorosa decisione dell’arcivescovo Diarmuid Martin che ritira i suoi studenti dallo storico seminario nazionale di Maynooth a causa dell’omosessualità dominante, segnala un gravissimo problema che va ben oltre l’Irlanda, è alla radice dello scandalo pedofilia, e richiede un intervento radicale da Roma.

Continue reading “L’allarme gay nei seminari parte da Dublino”

Una verità e tre errori sulla pedofilia nella Chiesa

L’Oscar al film Spotlight, la testimonianza resa a Roma in videoconferenza dal cardinale Pell e le dimissioni di un membro della commissione vaticana sugli abusi, una ex vittima di molestie che attacca anche Papa Francesco, hanno riportato in primo piano il tema dei preti pedofili. In quello che si legge in questi giorni ci sono una verità e tre errori.

Continue reading “Una verità e tre errori sulla pedofilia nella Chiesa”

E ora vietato “vendere” questo popolo

Da Avvenire ai politici, dopo il Family Day è tutta una gara a coprire con le menzogne la portata dell’evento al Circo Massimo. Per arrivare tranquillamente arrivare al vero obiettivo: l’accordo tra potere ecclesiastico e potere politico per arrivare alle unioni civili evitando le adozioni. Lo capiscano gli organizzatori del Family Day.

Continue reading “E ora vietato “vendere” questo popolo”

La Famiglia non è un’invenzione cattolica

A proposito del ddl Cirinnà e della manifestazione del 30 gennaio pubblichiamo l’Angelus pronunciato da Giovanni Paolo II il 19 giugno 1994, che va al cuore delle discussioni, delle polemiche e delle obiezioni che tengono banco in questi giorni. Ecco perché la famiglia è una risorsa che interessa tutti, anche i non cattolici.

Continue reading “La Famiglia non è un’invenzione cattolica”

Unioni civili, vescovi che hanno perso la memoria

Solo nove anni fa la CEI riteneva dovere dello Stato non riconoscere alcun tipo di legame che non fosse il matrimonio. Oggi invece il segretario della CEi ritiene doveroso che lo Stato riconosca le unioni gay (basta che non siano assimilate al matrimonio). Qualcosa evidentemente non quadra.

Continue reading “Unioni civili, vescovi che hanno perso la memoria”

Come possono dei vescovi accettare le unioni civili?

Che dei cattolici e persino dei vescovi non si rendano conto che l’unione civile in sé ridefinisca il vincolo che unisce l’uomo e la donna in chiave romantica lascia interdetti e sgomenti. Se l’atto sessuale è espressione dell’unione di due persone, allora renderlo volontariamente infertile contraddice il suo autentico significato.

Continue reading “Come possono dei vescovi accettare le unioni civili?”

Ma da quando san Tommaso d’Aquino è gay-friendly? Assolutamente no!

Disputa teologica intorno a un pamphlet di padre Adriano Oliva, domenicano, che sostiene che l’aquinate «condanna la sodomia in sede morale, ma la ritiene lecita in sede metafisica». Davvero? Ovviamente no.

Continue reading “Ma da quando san Tommaso d’Aquino è gay-friendly? Assolutamente no!”