Riparare al gay pride, ora tocca a Milano

Dopo Reggio Emilia e molte altre città italiane anche Milano scende in campo per riparare alle offese del Gay Pride. E lo fa con una processione pubblica di riparazione che avrà luogo domani sera. «Siamo di fronte all’ostentazione e alla nobilitazione di atti e comportamenti che costituiscono un grave peccato che umilia e degrada la creatura più bella di Dio».

Continua a leggere “Riparare al gay pride, ora tocca a Milano”

Annunci

Spagna, gli effetti dell’omofobia che vedremo in Italia

In Italia anche il presidente del Senato Grasso vuole la legge sull’omofobia tra le priorità da qui a fine legislatura. Ma che cosa comporterà nel concreto? Gli esempi ci arrivano dalla Spagna dove una legge simile alla Scalfarotto c’è già e sta mietendo le sue vittime della libertà di espressione. Un docente di filosofia ha detto che l’omosessualità è anti naturale. Ora rischia un procedimento disciplinare e l’accusa di aver violato la legge che regolamenta l’omofobia. Perderà la sua libertà. Così sarà in Italia quando avremo la legge approvata.

Continua a leggere “Spagna, gli effetti dell’omofobia che vedremo in Italia”

Dalla sodomia alla salvezza: i convertiti che ora lottano per la felicità di chi è ancora nelle tenebre

Dalla convinzione di “essere nati così”, alla certezza che si nasce solo femmine o maschi. Dalla battaglia per i cosidetti “diritti” Lgbt, alla guerra contro la menzogna mondana. Dall’odio per il limite e la creazione, all’amore per il Creatore. Dalla frustrazione di un desiderio mai veramente appagato, all’incontro con l’amore cercato per anni nel posto sbagliato. Storie di persone date per perse e salvate da un incontro e dalla preghiera che ha aperto le porte alla grazia di Dio.

Continua a leggere “Dalla sodomia alla salvezza: i convertiti che ora lottano per la felicità di chi è ancora nelle tenebre”

“La mia battaglia per il Cristianesimo”

La dottoressa Silvana De Mari è abituata a lottare: non ha intenzione di farsi intimorire dall’accusa di “omofobia”, perché senza Verità non c’è libertà.

Continua a leggere ““La mia battaglia per il Cristianesimo””

C’è un giudice a Milano. Negata la stepchild adoption

E finalmente venne il giorno in cui un Tribunale, dicasi uno, non ha acconsentito all’adozione di un minore da parte di una coppia gay. Il Tribunale di Milano ha respinto la richiesta di due donne omosessuali, unite civilmente, di adottare i figli nati dallo stesso padre biologico. Fornendo una diversa interpretazione della Cirinnà.

Continua a leggere “C’è un giudice a Milano. Negata la stepchild adoption”

Il card. Caffarra accusa la sua Emilia: “Aberrante: i bambini non si comprano!”

Il cardinale emiliano stronca l’acquisto di gameti femminili della Regione. “Gravissimo trattare cellule umane come un appalto. Verranno spesi 650 mila euro di soldi pubblici per ingannare donne sottoposte a trattamenti mostruosi. Così la veterinaria entra nell’umano”. Nell’intervista con la Nuova BQ, i mea culpa per vescovi che hanno abbandonato la Dottrina e l’urgenza di una battaglia educativa: “Non possiamo stare fermi, Gesù ci invita a gridare dai tetti”.

Continua a leggere “Il card. Caffarra accusa la sua Emilia: “Aberrante: i bambini non si comprano!””

Amoris laetitia, i vescovi di Alberta (Canada) restano fedeli al Vangelo

Sulle linee di interpretazione del capitolo VIII di Amoris laetitia proposte dai vescovi della regione di Buenos Aires, abbiamo avuto l’importante risposta del Santo Padre. Il quale, come sappiamo, ha espresso che oltre quella dei vescovi argentini “non c’è altra interpretazione”.

Continua a leggere “Amoris laetitia, i vescovi di Alberta (Canada) restano fedeli al Vangelo”

Delirio omosessualista e mediatico

In Messico è virale una foto di un bambino davanti alla Marcha por la familia. Un cronista senza prove ne è certo: “Ha sfidato gli omofobi per lo zio gay”. Corriere e Repubblica si allineano. Però le cose possono essere andate diversamente, come mostra un video. Ma manifestare per la famiglia e contro il gender ora è omofobia.

Continua a leggere “Delirio omosessualista e mediatico”

Manipolatrice e utopistica: è la gendercrazia il totalitarismo soft che ci sta distruggendo

La Nuova BQ intervista Chiara Atzori alla vigilia dell’uscita del nuovo libro Gendercrazia, una nuova utopia. L’oscuramento della differenza tra maschile e femminile, l’uso di slogan accattivanti per ottenere consenso, la fecondazione artificiale, la natura umana da riscoprire nella triade madre-padre-figlio. «Spesso ci si dimentica del fatto che se si parla di gender si sta parlando di una clamorosa e ideologica bufala scientifica, che provoca una lenta disgregazione dell’umano. Il cambiamento di linguaggio che manipola le coscienze fa il resto».

Continua a leggere “Manipolatrice e utopistica: è la gendercrazia il totalitarismo soft che ci sta distruggendo”