San Pio X, vero profeta e buon maestro

«Restaurare tutto in Cristo» fu il principio ispiratore degli 11 anni di pontificato di san Pio X (1835-1914), il Papa di umili origini che seppe analizzare lucidamente e condannare gli errori del modernismo, riconoscendone la radice malvagia e profetizzando che esso avrebbe condotto a una società atea.

Continua a leggere “San Pio X, vero profeta e buon maestro”

Annunci

San Pio X. Vita del Papa che ha ordinato e riformato la Chiesa

Una biografia completa, basata sugli scritti del Papa che volle riformare la Chiesa e indicare al mondo che l’unica strada di salvezza era “guardare a Cristo”. Cristina Siccardi ci conduce alla scoperta di una personalità tutta da riscoprire e sorprendentemente moderna, capace di parlare, al di là delle ideologie, anche all’uomo d’oggi.

Continua a leggere “San Pio X. Vita del Papa che ha ordinato e riformato la Chiesa”

Video. Gli uomini non guardano il Cielo. Vita di San Pio X

La versione integrale dell’unico film sulla santa vita di un papa santo, Pio X.

Cooperatores Veritatis

In occasione della memoria liturgica di San Pio X (21 agosto) — il Papa del quale Padre Pio disse che era mite e umile di cuore come il suo Divin Maestro — vi offriamo la versione integrale dell’unico film prodotto sulla sua vita.

Diretto da Umberto Scarpelli e interpretato Henry Vidon, la scenografia prende spunto da una delle primissime biografie su Pio X, cioè quella di padre Girolamo Dal-Gal (o.m.c.) intitolata Pio X, il papa santo del 1940.

View original post

Video. Il Santo Sacrificio della Messa

Il CIRCOLO “UNITA’ DI VITA” per il ciclo
“San Tommaso e la Dottrina Sociale della Chiesa”
ha organizzato il 3° incontro dal tema:
IL SANTO SACRIFICIO DELLA MESSA”

L’incontro, presieduto dal presidente del Circolo Unità di Vita Marco Brilli si è tenuto presso l’ Istituto Suore Carmelitane di Santa Teresa a Firenze e ha visto in qualità di relatori Mons. Nicola Bux – Teologo – e Don Federico Maria Pozza – Canonico dell’Istituto Cristo Re Sommo Sacerdote, Rettore della Chiesa dei Santi Michele e Gaetano di Firenze.
Il Santo Sacrificio della Messa, un concetto da ribadire e approfondire, in quanto di tanto in tanto riemergono, a cicli periodici, nozioni erronee sulla Santa Messa.

La Santa Messa è il sacrificio del Corpo e Sangue di Gesù Cristo che viene offerto a Dio sotto le apparenze del pane e del vino, dal Sacerdote in memoria e rinnovazione del Sacrificio della Croce. La Santa messa è il sacrificio della Nuova Legge: l’atto supremo del culto della Religione Cattolica. La Santissima Eucaristia è il Sacramento che sotto le specie del pane e del vino contiene veramente, realmente e sostanzialmente il Corpo e sangue di Gesù Cristo che si offre liberamente in sacrificio e si distribuisce in cibo spirituale delle anime. Il sacrificio è l’offerta di una cosa materiale e la sua distruzione reale o equivalente fatta da un ministro a Dio, per riconoscerne il dominio e per espiare i peccati degli uomini. Perché e stata necessaria la venuta di Nostro Signore Gesù Cristo? Perché col peccato originale il primo uomo, Adamo, in rappresentanza di tutta l’umanità, mancò a Dio, offendendolo. La gravità di un’offesa non si giudica sulla qualità dell’offensore ma sulla qualità dell’offeso. La maestà divina è stata offesa. e visto che la dignità di Dio è infinita, la gravità dell’offesa è infinita. L’uomo non ha una dignità infinita per cui qualunque sacrificio fatto dall’uomo, fosse anche l’offerta di se stesso, non potrebbe mai riparare in giustizia l’offesa fatta. Per questo Dio nella Sua immensa bontà, ha deciso di prendere su di se la nostra umanità, di farsi uomo, di offrirsi in Sacrificio a Dio, e di offrirsi in quanto uomo, a nome di tutta l’umanità, ed essendo Dio il suo Sacrificio era di valore infinito tale “che potesse condurre ad ogni perfezione tutti quelli che avrebbero dovuto essere santificati. Per cui, prima di morire sulla Croce, ha istituito il memoriale di questo Sacrificio, perché venisse reso presente, costantemente, attraverso il Santo Sacrificio della Messa.

Assunzione della Beata Vergine Maria

Confermando una verità radicata nel cuore dei fedeli, l’1 novembre 1950 Pio XII definì solennemente il dogma dell’Assunzione di Maria: «Pronunziamo, dichiariamo e definiamo essere dogma da Dio rivelato che l’Immacolata Madre di Dio sempre vergine Maria, terminato il corso della vita terrena, fu assunta alla gloria celeste in anima e corpo».

Continua a leggere “Assunzione della Beata Vergine Maria”

San Massimiliano Maria Kolbe e l’Amore vero che vince l’odio infernale

«Rimettiti in tutto alla Divina Provvidenza attraverso l’Immacolata e non preoccuparti di nulla», è l’insegnamento al centro della spiritualità di san Massimiliano Maria Kolbe (1894-1941), il “martire dell’Amore” che nel bel mezzo della distruzione dell’umano attuata nei lager nazisti ricordò al mondo, sacrificandosi per salvare un padre di famiglia, tutta la fecondità e potenza della fede.

Continua a leggere “San Massimiliano Maria Kolbe e l’Amore vero che vince l’odio infernale”

La religiosa sarda che che faceva tremare il diavolo (pregando)

Il 12 agosto è il giorno della nascita al Cielo di Maria Paola Muzzeddu (1913-1971), una religiosa sarda di cui a giugno papa Francesco ha riconosciuto le virtù eroiche. Su diretta ispirazione della Madonna fondò la congregazione delle Figlie di Mater Purissima, per richiamare il mondo alla virtù della purezza. Nel suo diario spirituale anche le lotte contro Satana, che cercò di scoraggiarla e dissuaderla dalla preghiera. Senza riuscirvi.

Continua a leggere “La religiosa sarda che che faceva tremare il diavolo (pregando)”

Nuovo Miracolo Eucaristico: ecco perché la Comunione non va presa alla mano

Auspichiamo di cuore che questo ennesimo Miracolo Eucaristico possa aiutare quanti ancora non comprendono…. Vedete, ciò che avviene in questi miracoli è di fatto ciò che avviene ad ogni lecita e legittima CONSACRAZIONE ALLA MESSA, è ciò che ha detto Gesù nel capitolo sesto dal Vangelo di san Giovanni solo che NON VEDIAMO ciò che avviene anche perché, diciamolo francamente, se vedessimo ciò, pochi si accosterebbero all’Eucaristia. Ricordate infatti cosa dice Pietro a Gesù? “Signore, il tuo linguaggio è duro… molti se ne vanno….” Gesù non li ferma, non dice “avete capito male… sediamoci, parliamone, troviamo un accordo…” NO! Gesù risponde a Pietro: “VOLETE ANDARVENE ANCHE VOI?”

Gesù ci ha reso l’Eucaristia DOLCE ED AMABILE, non cullabile nelle mani…. ce l’ha resa visibile, da “gustare e vedere”, gradevole alla vista e al gusto…. ma NON è ciò che vediamo, la realtà è quella che vediamo quando avviene un ulteriore miracolo attraverso il quale Gesù VUOLE CHE VEDIAMO E CAPIAMO…. capire cosa ha fatto per noi e cosa fa per noi in ogni Messa. Questo deve farci capire perché vi sollecitiamo a NON PRENDERE PIU’ GESU’ CON LE MANI, perché è questo che state facendo con le mani…. SANGUE E CARNE DIVINI NELLE NOSTRE MANI, FANNO SCATTARE IL SACRILEGIO E LA PROFANAZIONE… facendoci allontanare, spesso senza rendercene conto, dal Mistero e dal Prodigio.
Diverso è, infatti, quando è il Sacerdote a trattare la Santissima Eucaristia.

Cooperatores Veritatis

Cari Amici, in questa sezione stiamo discutendo con video ed articoli, sulla grave “crisi liturgica” che ci sovrasta, delle volte ci schiaccia, ma molto dipende anche da noi… Da anni combattiamo la buona battaglia contro la Comunione alla mano sollecitando, ed invitando tutti a capire perché è necessario e fondamentale ricevere Gesù-Ostia-Santa direttamente dal sacerdote alla bocca e non alle mani.

View original post 903 altre parole