Sr. Clare: “O tutto, o niente!” La fame d’amore che apre i Cieli

Promessa star di Hollywood, Clare sin da piccola viene spinta in un mondo fatto di fama, soldi e piacere senza freni. Ma proprio quando il peccato sembra averle rubato l’anima, l’amore irresistibile del Crocifisso la attira a sé: “Perché continui a farmi soffrire?”. Complice la “trappola perfetta” della Vergine Maria, Clare si lascerà così conquistare dal Signore e inizierà la sua folle corsa verso il Paradiso…

Continua a leggere “Sr. Clare: “O tutto, o niente!” La fame d’amore che apre i Cieli”

Annunci

I coniugi Martin, genitori e sposi secondo il cuore di Dio

I carmelitani Scalzi celebrano oggi la memoria congiunta di Louis e Zélie Martin, che si sposarono a mezzanotte del 13 luglio 1858, dopo che il loro incontro venne favorito dalla Provvidenza. Le loro giornate erano scandite dalla preghiera e dal lavoro, rispettando il riposo domenicale. Non mancarono loro le prove, affrontate abbandonandosi alla Volontà divina. Come disse santa Teresina dei suoi genitori: «Il Buon Dio mi ha dato un padre e una madre più degni del Cielo che della terra».

Continua a leggere “I coniugi Martin, genitori e sposi secondo il cuore di Dio”

La storia di Daria, salvata dal perdono di Dio il peccato dell’aborto

«Non c’è nessun peccato e nessun male che non venga perdonato se l’uomo si pente. E veramente il Signore, dal male più grande, sa trarre il bene più grande. Io vedo questo nella mia vita…». Daria, trentottenne, racconta alla Nuova BQ il baratro in cui era sprofondata dopo aver abortito a 20 anni e da cui è venuta fuori grazie alla sua conversione e a un ritiro con la Vigna di Rachele. E oggi dice: «Questo bambino mi protegge e mi guida dal Cielo».

Continua a leggere “La storia di Daria, salvata dal perdono di Dio il peccato dell’aborto”

San Josemaria Escrivá e il lavoro che santifica

Il santo Fondatore dell’Opus Dei ebbe il merito di ricordare che tutti gli uomini sono chiamati alla santità, raggiungibile anzitutto con la santificazione del lavoro quotidiano.

Continua a leggere “San Josemaria Escrivá e il lavoro che santifica”

Gli effetti collaterali di un Crocifisso al Tg2

La telegiornalista Marina Nalesso indossa con sacrosanta libertà un crocifisso: si apre la solita gazzarra dei sedicenti laicisti anticattolici. Il campione questa volta è Michele Serra che su la Repubblica definisce il crocifisso «implicito logo Dio Patria Famiglia».

Continua a leggere “Gli effetti collaterali di un Crocifisso al Tg2”

Il Sacro Cuore di Gesù, l’Amore di Dio che non si risparmia

Nella festa liturgica del Sacro Cuore, che quest’anno cade il 28 giugno, la Chiesa ci propone di onorare il Cuore di Gesù, sia in quanto tale, sia come simbolo vivente della sua carità. Il suo culto è la quintessenza stessa del cristianesimo ed è strettamente legato alla Santissima Eucaristia: gli stessi miracoli eucaristici ci dicono che, quando Gesù ci dona il suo Corpo nell’Eucarestia, è del suo Cuore che ci nutre!

Continua a leggere “Il Sacro Cuore di Gesù, l’Amore di Dio che non si risparmia”

Il “chiaroscuro intellettuale” nella filosofia tomista

Il senso del mistero e il chiaroscuro intellettuale è l’ultimo libro di padre Réginald Garrigou-Lagrange (filosofo e teologo domenicano) pubblicato da Fede & Cultura. Qui si affronta il rapporto fra l’uso della ragione e il mistero. Il libro di P. Garrigou-Lagrange fonda la superiorità della metafisica sulle altre discipline e della teologia sulla metafisica.

Continua a leggere “Il “chiaroscuro intellettuale” nella filosofia tomista”

Video-catechesi. Gli animali vanno in Paradiso?

Cari Amici, tante sono le domande sulla sorte degli animali… cerchiamo di fare chiarezza. Qui il testo scritto. Ricorda infine che: “La bellezza dell’universo. L’ordine e l’armonia del mondo creato risulta dalla varietà degli esseri e dalle relazioni che esistono tra loro. L’uomo le scopre progressivamente come leggi di natura. La bellezza della creazione riflette l’infinita bellezza del Creatore e ispira il rispetto e la devozione dell’intelligenza e della volontà dell’uomo” (Catechismo Chiesa Cattolica n.341)