Due Papi del mese di maggio: san Pio V e san Celestino V

Nel mese di maggio, seguendo l’antico calendario, ricorrono le feste liturgiche di due Romani Pontefici: l’uno molto noto, l’altro quasi sconosciuto, ma santi entrambi: Pio V e Celestino V.

Continua a leggere “Due Papi del mese di maggio: san Pio V e san Celestino V”

Ci sia da guida come don Bosco si comportò durante l’epidemia di colera del 1854

Tra il 1854 e il 1855 in Italia comincia a diffondersi una malattia che porterà alla morte migliaia e migliaia di persone: il colera. Nel 1854 anche Torino ne viene colpita. Don Bosco era stato avvertito in anticipo per grazia di divina che presto si sarebbe diffusa anche a nella sua città e vi avrebbe fatto strage.

Continua a leggere “Ci sia da guida come don Bosco si comportò durante l’epidemia di colera del 1854”

BR, tra perdono e giustizia: la chiave è nella riparazione

La recente vicenda dei sette ex-terroristi degli anni di piombo, arrestati in Francia ha riportato al centro della riflessione l’importante problema del rapporto tra perdono e giustizia. L’autentica contrizione si esprime nella volontà di riparare il male commesso. Agostino insegna che «se ti getterai il tuo peccato dietro le spalle, Dio te lo rimetterà davanti agli occhi».

Continua a leggere “BR, tra perdono e giustizia: la chiave è nella riparazione”

Sub tuum praesidium, invocare Maria nel tempo della prova

Nata in un periodo in cui i cristiani erano duramente perseguitati, Sub tuum praesidium è la più antica preghiera a Maria conosciuta, risalente al III secolo. Essa ricorda l’importanza di invocare la Madonna, Madre di Dio e Madre nostra. E risulta particolarmente opportuna per i tempi di prova che viviamo. All’inizio del mese di Maria, vi raccontiamo la sua storia.

Continua a leggere “Sub tuum praesidium, invocare Maria nel tempo della prova”

Le lettere di santa Caterina, scritte per volere di Dio

Sono oltre trecento le lettere che santa Caterina da Siena scrisse ad autorità religiose e politiche del XIV secolo, Papi compresi. In esse, oltre alla richiesta che la sede del papato tornasse a Roma, si trova una sorta di vademecum per un buon governo, che può essere tale solo rispettando «la santa giustizia» di Dio. In tutte le lettere Caterina chiede, per il bene comune, che sia fatta la volontà divina.

Continua a leggere “Le lettere di santa Caterina, scritte per volere di Dio”