Si restringe la libertà religiosa nel mondo. Isis, parlare di genocidio non è più tabù

Presentato il rapporto Usa sulla libertà religiosa nel mondo nel 2016 e primo semestre 2017. Nel complesso la situazione è peggiorata, le violazioni della libertà religiosa si sono aggravate ed estese. Tra i paesi dove la minaccia appare massiccia, sistematica e persistente c’è anche la Russia. Tra le entità non governative spicca l’Isis, che è chiaramente responsabile di genocidio contro Yazidi, Cristiani e musulmani sciiti. Proteggerli è una priorità dell’amministrazione Trump.

Continue reading “Si restringe la libertà religiosa nel mondo. Isis, parlare di genocidio non è più tabù”

Anguera, messaggio del 14 agosto 2017

N. 4.513 – Messaggio di Nostra Signora Regina della Pace, a Brasilia / DF, trasmesso il 14/08/2017

Cari figli, l’umanità cammina per vie di auto-distruzione che gli uomini hanno preparato con le proprie mani. Ritornate a Colui che è la vostra Unica Via, Verità e Vita. Piegate le vostre ginocchia in preghiera, perché solamente così potete sopportare il peso delle prove.

Il Mio Gesù è molto vicino a voi. Confidate in Colui che vede ciò che è nascosto e vi conosce per nome. Io sono vostra Madre e vengo dal Cielo per dirvi che siete importanti per la realizzazione dei Miei Piani. Siate coraggiosi e dite a tutti che Dio ha fretta.

Non vi allontanate dal Cammino della Salvezza. Date il meglio di voi e sarete ricompensati con ricche grazie. Quello che dovete fare, non lasciatelo per il domani.

Giorni verranno in cui gli uomini e le donne di fede berranno il calice amaro della sofferenza; Saranno abbandonati e trattati come nemici. Non tiratevi indietro. Siate difensori della verità. Dopo tutto il dolore verrà la Vittoria di Dio per gli Eletti del Signore.

Non vi dimenticate: La vostra vittoria è nell’Eucaristia. Avanti senza paura.

Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

(fonte: madonnadianguera.it)

Il cristiano è vandeano o non è

Il prefetto del Culto Divino, Robert Sarah, ha ricordato i martiri della Vandea francese ammonendo il cristiano di oggi che per essere tale deve assumersi il compito di essere spiritualmente vandeano, cioè per nulla incline alla logica del compromesso e disposto al martirio. Parole dure, ma vere. Subito “messe in pratica” dal suo predecessore, Arturo Medina Estevez, che in Cile ha tuonato contro i cattolici favorevoli all’aborto rischiando l’impopolarità.

Continue reading “Il cristiano è vandeano o non è”

I martiri di Otranto, antidoto al caos nichilista di oggi

Ricorre oggi la memoria degli 813 martiri di Otranto. Fu un martirio di popolo, che stride con la fede stanca e molle che oggi pervade l’Europa, sempre più scristianizzata e dimentica del passato. Un’Europa che ha rinnegato a tal punto le sue radici da credere che il cristianesimo possa essere accantonato senza contraccolpi per la nostra civiltà. L’antidoto al caos nichilista che oggi governa l’Europa è il ritorno alla fede cristiana viva e pura, testimoniata da quei santi martiri.

Continue reading “I martiri di Otranto, antidoto al caos nichilista di oggi”

FATIMA, IL SOLE E IL VESSILLO NERO. LA PROFEZIA DEL FRATE: “SIAMO IN GRADO DI FARVI CROLLARE E VI FAREMO CROLLARE”

Il Segno di Giona

“Noi siamo in grado di farvi crollare e vi faremo crollare”. Polonia, fine del secondo decennio del’900. Un giovane frate francescano conventuale è seduto sulla sua scrivania e cerca di riordinare le idee. Sul tavolo ha solo una piccola immagine della Madonna. Da pochi mesi si dice che una “bella Signora” sia apparsa in Portogallo a tre ignoranti pastorelli. Tutta la stampa ne aveva parlato. Aveva parlato di quelle strane apparizioni e del miracolo del sole, prodigio preannunciato dai pastorelli.

Il frate pensa a quanto gli è accaduto. A Roma ha visto “la mafia massonica, ripetutamente disapprovata dai pontefici, che spadroneggiava in maniera sempre più sfrontata”. Nei suoi occhi l’immagine del vessillo nero – portato e sbandierato per le vie  durante le celebrazioni in onore di Giordano Bruno – con l’effigie di San Michele Arcangelo sotto i piedi di Lucifero. Ha visto l’odio mortale verso la Chiesa di Cristo e…

View original post 401 altre parole

Sbarchi e ONG, una svolta e un chiarimento che spaccano governo e Chiesa italiana

Stretta delle autorità libiche e italiane sull’attività delle Organizzazioni non governative, che perdono anche l’appoggio incondizionato della CEI: appare sempre più chiaro a tutti che quanto avviene nel Mediterraneo è soltanto traffico di esseri umani, che non può essere tollerato. E anche il caso del controverso sacerdote eritreo Mussie Zerai fa nascere molte domande.

Continue reading “Sbarchi e ONG, una svolta e un chiarimento che spaccano governo e Chiesa italiana”

Belgio, ospedale “cattolico” pro-eutanasia: il braccio di ferro con la Santa Sede

Da Roma è arrivato uno stop deciso alla decisione dei Fratelli della carità belgi di praticare l’eutanasia su pazienti psichiatrici in fase non terminale. Ora dovranno aderire pienamente al Magistero, pena provvedimenti canonici. Ma i “fratelli” belgi sono molto agguerriti. Hanno già rimandato al mittente le richieste del superiore e del vescovo e ignorato una lettera dalla Cdf.

Continue reading “Belgio, ospedale “cattolico” pro-eutanasia: il braccio di ferro con la Santa Sede”

Strage in una chiesa in Nigeria, chiunque sia stato

All’alba di domenica 6 agosto, a Ozubulu, una cittadina dello stato di Anambra, nella Nigeria sud orientale, un uomo è entrato nella chiesa cattolica di San Filippo mentre si celebrava la messa e ha aperto il fuoco. I morti sono 8, i feriti 18. La causa è probabilmente una faida. Il governo italiano, però, condanna il terrorismo.

Continue reading “Strage in una chiesa in Nigeria, chiunque sia stato”

Charlie, 12 minuti di lotta per smettere di respirare

I genitori di Charlie raccontano il suo ultimo giorno di vita: il viaggio all’hospice, il no dell’ospedale a salire in ambulanza e quello del giudice per avere qualche ora in più. Poi una passeggiata nel giardino e il distacco del venitlatore: «Avrebbe dovuto durare 5 minuti, invece il nostro bimbo ha lottato ben 12 minuti». Ma nel loro futuro si staglia l’ombra della fecondazione in vitro che comporta la diagnosi pre impianto e lo scarto. Eppure, questo è il momento di combattere la cultura eugenetica.

Continue reading “Charlie, 12 minuti di lotta per smettere di respirare”

Ai serbi mancano prove per “inchiodare” Stepinac

La richiesta della Serbia di apertura degli archivi della Santa Sede conferma che a Belgrado non è stato trovato nulla di compromettente contro Stepinac, contro la cui canonizzazione si oppongono ortodossi e nazionalisti. Al momento del suo arresto, tutta la documentazione dell’arcivescovo fu sequestrata dalla polizia segreta comunista. Se esistessero prove verrebbero trovate a Belgrado.

Continue reading “Ai serbi mancano prove per “inchiodare” Stepinac”