«Il Rosario dei polacchi, sfida al Padrone del mondo»: intervista a Stanislaw Grygiel

«I polacchi che recitano il Rosario danno fastidio alle forze laiciste che vogliono un “nuovo ordine” nel mondo». Lo dice in quest’intervista l’amico di San Giovanni Paolo II, Stanislaw Grygiel: «Chi accusa i polacchi di pregare contro gli immigrati islamici mente per ignoranza colpevole o per una ricompensa. […] Curioso che l’infamia di collaborazionismo arrivi da un Paese che era alleato coi nazisti». E sui vescovi e teologi che hanno minimizzato il Rosario sui confini dice: «È perché hanno smesso di pregare».

Continua a leggere “«Il Rosario dei polacchi, sfida al Padrone del mondo»: intervista a Stanislaw Grygiel”

Annunci

Pedofilia sdoganata: “L’esito della liberazione sessuale”

«Se il sesso non ha uno scopo, basta dire che il bambino è “libero” e il gioco è fatto». Don Di Noto svela la strategia delle lobby pedofile sostenute da circoli di potere, intellettuali e della moda: diffondono libri e immagini per normalizzare quello che invece dovrebbe essere denunciato come il più grande crimine umano. Segnalati casi di abuso anche su neonati.

Continua a leggere “Pedofilia sdoganata: “L’esito della liberazione sessuale””

Parla Ettore Gotti Tedeschi: “Nella correzione si chiede chiarezza sui sacramenti”

«La lettera di correzione è esclusivamente mirata a salvare l’indissolubilità del matrimonio, essendo certo che i Sacramenti sono come un domino, se cade uno cadono tutti».

Continua a leggere “Parla Ettore Gotti Tedeschi: “Nella correzione si chiede chiarezza sui sacramenti””

Il cardinal Burke a tutto campo

Il quotidiano on-line La Fede Quotidiana riporta ampi stralci di una recentissima intervista al cardinale Raymond Leo Burke.

Continua a leggere “Il cardinal Burke a tutto campo”

Mons. Schneider: “Nessun papa è padrone della Chiesa”

Quanto segue è un’intervista al vescovo Athanasius Schneider, condotta dalla giornalista Maike Hickson di OnePeterFive.

Continua a leggere “Mons. Schneider: “Nessun papa è padrone della Chiesa””

È morto padre Laurentin. Il ricordo dell’amico Vittorio Messori.

Lo scrittore ricorda il mariologo scomparso a 100 anni. “Osteggiato in ambito accademico dagli arroganti teologi che disprezzavano la mariologia, ma il capitolo su Maria della Lumen Gentium è suo”. “Una volta su tuffò in Senna nuotando da sponda a sponda e mi raccontò del perché non si occupò mai di Fatima”. E su Medjugorie l’entusiasmo si fece certezza: “Ammetteva che la Madonna potesse non essere apparsa all’inizio, ma dopo no. Sul Podbrdo era certamente lei, si convinse dai frutti straordinari perché è l’unico movimento di massa post-conciliare che porta la gente alla fede”.

Continua a leggere “È morto padre Laurentin. Il ricordo dell’amico Vittorio Messori.”

Stupri e violenze, Souad Sbai: “Gli immigrati vanno ri-educati”

«Nei centri di accoglienza questi uomini, giovani e soli, sono abbandonati a loro stessi: o si buttano nell’estremismo religioso o vivono la logica del branco. È criminale lasciarli in queste condizioni. Anche i minori non accompagnati si radicalizzano. E i cattolici devono smettere di parlare solo di diritti degli immigrati: alla ragazza stuprata a Rimini nessuno ridarà la felicità perduta. Quante altre vittime ancora dobbiamo aspettare?». Parla Souad Sbai, giornalista e politica di origine marocchina.

Continua a leggere “Stupri e violenze, Souad Sbai: “Gli immigrati vanno ri-educati””

Antonio Zichichi: “L’errore sta nel fare confusione tra inquinamento e clima”

Un conto è l’inquinamento, che significa immettere veleni nell’atmosfera, fenomeno di cui è responsabile l’uomo e che si può e si deve combattere. Altro è l’evoluzione del clima.

Continua a leggere “Antonio Zichichi: “L’errore sta nel fare confusione tra inquinamento e clima””

Qualità della vita? Rispondono Maria e Dorotea. Quelle vite (imperfette) che ci parlano del Paradiso

La “qualità della vita” sta diventando il criterio legale e legittimo, che permette all’uomo di stabilire quando e per quanto è consentito vivere, come il caso di Charlie Gard ha tristemente dimostrato. Ma la “qualità della vita” è una colossale menzogna, come ci raccontano due bambine meravigliose e le loro famiglie: Maria, nata senza gambe e senza braccia, e Dorotea la bambina con le ossa di vetro che i medici davano per morta. Nelle loro vite straordinariamente imperfette “c’è un pezzo di Paradiso”.

Continua a leggere “Qualità della vita? Rispondono Maria e Dorotea. Quelle vite (imperfette) che ci parlano del Paradiso”