Paolo VI, il papa della nuova ecclesiologia

Uno dei più importanti storici del cristianesimo, il prof. Roberto de Mattei, ci presenta la figura di papa Paolo VI, al secolo Giovanni Battista Montini, in occasione del quarantesimo anniversario della morte.

Continua a leggere “Paolo VI, il papa della nuova ecclesiologia”

Pena di morte, lo spirito di Pannella muta il Catechismo

La Dottrina non può seguire l’evoluzione storica: ciò che era peccato ieri, lo è anche oggi. Eppure papa Francesco, lentamente ma inesorabilmente, sta cambiando il Depositum Fidei, pur non avendone il potere, né l’autorità. Il peccato dell’adulterio non è più un assoluto morale (Amoris Laetitia), l’illiceità della pena di morte invece sì (modifica n. 2267 del Catechismo della Chiesa Cattolica, benché la Chiesa cattolica l’abbia sempre permessa come extrema ratio per legittima difesa della società e dell’indifeso), perché, secondo lui, lede la dignità della persona umana. Ma se questo è il criterio, allora ogni forma di pena è sbagliata. Ciò che lede veramente la “dignità della persona” è il peccato, a cui bisogna necessariamente riparare. Infatti, se ci riflettiamo bene, quello che si vuol andare a intaccare è il concetto stesso di espiazione e di riparazione: si vuol togliere (al peccatore, al reo, al mondo intero) la sofferenza, cioè la Croce, l’unica salvezza per l’uomo stesso. Al divorziato-risposato, per esempio, non va data la pena della privazione della Comunione, al colpevole di un reato — che molto spesso coincide con un peccato — non va inflitta la pena della privazione della libertà (Bergoglio vuole abolire anche l’ergastolo), oppure — ribadiamo: come extrema ratio — della stessa vita, se non c’è altro modo di impedirli di nuocere di nuovo. Questo non ci sorprende perché «la Croce non è al centro della teologia del Concilio, non è la soluzione e il compimento della missione della Chiesa» (Don Divo BarsottiL’Attesa. Diario 1973-1975, pag. 213-214). 

Continua a leggere “Pena di morte, lo spirito di Pannella muta il Catechismo”

Humanae Vitae: il compleanno di una profezia

L’enciclica Humanae Vitae, di cui ricorrono oggi i 50 anni dalla sua pubblicazione, è di capitale importanza perché approfondisce e chiarifica l’insegnamento della Chiesa sul matrimonio e l’amore coniugale. Dentro questo si comprende il no senza eccezioni alla contraccezione, e il carattere definitivo e infallibile dell’enciclica.

Continua a leggere “Humanae Vitae: il compleanno di una profezia”

Tu es Petrus: la vera devozione alla Cattedra di Pietro

Sabato 8 aprile a Deerfield (Illinois) su invito di Catholic Family News e lunedì 10 aprile a Norwalk (Connecticut), ospite di The Society of St Hugh of Cluny, il prof. Roberto de Mattei ha parlato sul tema Tu es Petrus: la vera devozione alla Cattedra di Pietro. Il sito Corrispondenza Romana riporta il testo della sua conferenza, con leggere modifiche e abbreviazioni.

Continua a leggere “Tu es Petrus: la vera devozione alla Cattedra di Pietro”

Benedetto XVI, un pontefice impossibile da “taroccare”

Nella vicenda Viganò c’è molto più di Viganò. C’è un attacco a Benedetto XVI in cui il taroccamento mediatico sarebbe stato funzionale ad un taroccamento teologico e magisteriale, nel tentativo di cambiare i connotati percepiti del magistero di Ratzinger, trascinandolo verso altre interpretazioni. Fede e ragione, ecologia umana, diritto naturale, Quaerere Deum e Vetus ordo: un pontificato scomodo ancora osteggiato.

Continua a leggere “Benedetto XVI, un pontefice impossibile da “taroccare””

Nell’oceano di fuoco di Divo Barsotti

Don Divo Barsotti, fondatore della Comunità dei Figli di Dio, monaco e scrittore, mistico e maestro spirituale, figura grandissima. Un cristiano autentico, animato da fede profonda, un credente capace, anche grazie al suo carattere di toscanaccio verace.

Continua a leggere “Nell’oceano di fuoco di Divo Barsotti”

Mons. Schneider, un vescovo innamorato di Gesù Eucarestia

Mons. Athanasius Schneider, vescovo ausiliare di Astana, in Kazakhistan, è pronto a soffrire per difendere la Verità, perché così si ama Cristo e la sua Chiesa.

Continua a leggere “Mons. Schneider, un vescovo innamorato di Gesù Eucarestia”

Il Papa non è un sovrano assoluto

C’è una diffusa ignoranza sul reale significato dell’autorità papale nella Chiesa. Le parole del papa sono a servizio dell’intera Tradizione della Chiesa e non il contrario. Come disse Benedetto XVI: «Il potere conferito da Cristo a Pietro e ai suoi successori è, in senso assoluto, un mandato per servire».

Continua a leggere “Il Papa non è un sovrano assoluto”