Che fine hanno fatto i soldati di Cristo?

I cristiani sono dei soldati perché lo stesso Cristo è un condottiero, un guerriero.

Continua a leggere “Che fine hanno fatto i soldati di Cristo?”

Annunci

Il Matrimonio sul piano sovrannaturale

Il Signore ha elevato questa istituzione naturale a livello sovrannaturale, dunque, a quello di sacramento. Come tale acquista tre caratteristiche ulteriori: primo, l’educazione di un popolo per il servizio del vero Dio e di Cristo; secondo, il segno dell’unione tra Cristo e la Sua Chiesa; terzo, il segno e il dono della grazia.

Continua a leggere “Il Matrimonio sul piano sovrannaturale”

La Castità

La parola “castità” viene dalla parola latina castigare, e esprime la visione da parte della Chiesa che la vita è una battaglia tra il bene e il male, una battaglia che richiede dagli uomini ascesi e mortificazione.

Continua a leggere “La Castità”

Abusi sessuali, parlare di clericalismo è un’offesa alle vittime

Il prefetto emerito CDF ribatte sulla piaga del’omosessualità nel clero come causa degli abusi e respinge l’idea che la crisi sia causata dal “celibato o da presunte strutture di potere ecclesiale”. “Questi abusi non sono di potere, piuttosto, il potere viene usato per gratificare desideri sessuali disordinati. Fare chiacchiere sul clericalismo è un insulto alle molte vittime di abusi sessuali”.

Continua a leggere “Abusi sessuali, parlare di clericalismo è un’offesa alle vittime”

Testimonianza: i “cristiani LGBT” sono contro la Chiesa

“La mia omosessualità è diventata una ricchezza sul piano cristiano solo quando vi ho rinunciato e smesso di praticarla. Questo è stato il vero passo avanti nel cammino di fede”. È la storia di Federico C. che in questa intervista racconta l’errore dei cosiddetti gruppi di “cristiani LGBT” nelle parrocchie, come dimostra il recente caso di Roma. “Ho frequentato Nuova Proposta, era un’ideologia gay più che una proposta cristiana nella quale Benedetto XVI era considerato il rappresentante di una Chiesa opprimente. Si dava per scontato l’utero in affitto e qualunque azione “riparatrice” veniva screditata. Invece io ho capito il Catechismo proprio iniziando a praticare la castità e l’amicizia disinteressata. E’ dura, ma solo così vedo la luce nella mia vita”.

Continua a leggere “Testimonianza: i “cristiani LGBT” sono contro la Chiesa”

Senza metafisica non c’è dottrina

Fenomenologia etica, idealismo, democraticismo e processo dialettico sono altrettante tendenze che spiegano l’attuale confusione nella Chiesa, quando la prassi prevale sulla dottrina, la narrazione della realtà al dovere di indicare la strada che porta a Dio.

Continua a leggere “Senza metafisica non c’è dottrina”

In che cosa consiste precisamente il peccato originale?

Il peccato originale commesso dal primo uomo e dalla prima donna è stato un atto di disobbedienza a Dio la cui radice risiede nella superbia.

Continua a leggere “In che cosa consiste precisamente il peccato originale?”

La pena di morte in quanto tale è legittima, ma non bisogna abusarne

«Rifiutare la pena di morte in quanto intrinsecamente cattiva significa implicitamente rifiutare qualsiasi punizione e sostituirla con qualcos’altro, per esempio, con un approccio terapeutico verso i criminali. Ma se nessuno merita la punizione, allora è piuttosto difficile vedere come qualcuno possa meritare il castigo eterno dell’Inferno. E se ciò è vero, allora diventa difficile capire lo scopo del sacrificio della Croce». È quanto sostiene in questa intervista il professor Edward Feser, autore di un recente libro su Chiesa e pena di morte.

Continua a leggere “La pena di morte in quanto tale è legittima, ma non bisogna abusarne”

Le parole perdute di Newman (e di san Pio X)

Alcuni preziosi insegnamenti del beato card. Newman: opporsi al mondo, la necessita del Dogma, la priorità della zelo sulla benevolenza. Come insegnava il Catechismo di papa San Pio X.

Continua a leggere “Le parole perdute di Newman (e di san Pio X)”

I “santi impiccati”: quando la pena di morte è via di santità

Non c’è un solo passo nelle Scritture, né in san Paolo né nei Padri e nemmeno in san Tommaso d’Aquino che parli contro la pena di morte. San Giuseppe Cafasso diceva che quelli che accompagnava al capestro erano i suoi «santi impiccati». Se riusciva a confessarli e comunicarli, andavano subito in Paradiso, avendo espiato con la morte violenta le loro malefatte. L’esempio è illustre: Gesù in croce dice al Buon Ladrone (il quale riconosce come giusta la pena inflittagli) «oggi sarai con me in Paradiso». Sul tavolo della Congregazione per la Cause dei Santi ci sono due dossier riguardanti due condannati a morte negli anni Cinquanta: uno ghigliottinato, l’altro garrotato. Perché la pena di morte può essere via di santità.

Continua a leggere “I “santi impiccati”: quando la pena di morte è via di santità”