Pezzi di ricambio cercansi tra le vittime di eutanasia

Poche vittime di eutanasia donano gli organi e, per alcuni dottori belgi e olandesi, questa realtà va cambiata, incrementando le donazioni. In questo modo viene stravolto il concetto di donazione di organi, che è un atto “nobile e meritorio” dopo morte certa. Ma che in questo contesto resta una mera ricerca di pezzi di ricambio. E chi non chiedesse l’eutanasia oppure la chiedesse senza donare gli organi? Rischierebbe di essere additato come egoista.

Continua a leggere “Pezzi di ricambio cercansi tra le vittime di eutanasia”

La rivincita del Crocifisso

Per gentile concessione di Edizioni Studio Domenicano pubblichiamo una riflessione del compianto cardinale Giacomo Biffi (1928-2015) già Arcivescovo di Bologna. Sono due brani tratti da Biffi, La rivincita del Crocifisso, Edizioni Studio Domenicano, Bologna, (pp. 276 ss e 293 ss). Una riflessione sulla Pasqua e sulla Resurrezione sempre attuale. E’ il nostro modo di augurare buona Pasqua a voi lettori de La Nuova BQ.

Continua a leggere “La rivincita del Crocifisso”

Morire per la vita eterna in cui l’Occidente non crede più

Martiri cristiani sepolti in fretta nell’Egitto blindato. Un Islam a due facce si prepara all’arrivo del Papa.

Continua a leggere “Morire per la vita eterna in cui l’Occidente non crede più”

L’ex abortista: “La Madonna mi chiese: perché mi ferisci?”

Uccideva i figli in grembo ed elargiva la contraccezione come panacea, “anche se in verità vedevo che peggiorava i problemi e che non dava felicità alle donne e alle coppie, ma solo più dolore”. Eppure il medico John Bruchalski continuava a praticare aborti. Poi la “preghiera incessante mi salvò e Maria mi convertì il cuore”, fino a far sorgere una clinica e a sovvertire la concezione moderna di maternità.

Continua a leggere “L’ex abortista: “La Madonna mi chiese: perché mi ferisci?””

“Gravi responsabilità dentro e fuori il Vaticano per le dimissioni di Benedetto XVI”. Parla mons. Negri

“Benedetto XVI ha subito pressioni enormi”, spiega il vescovo che ha iniziato il suo ministero episcopale nella diocesi di San Marino Montefeltro e lo sta concludendo a Ferrara. Con lui “mi sono sentito a casa mia”. Il presente della Chiesa è segnato da “molta confusione in tanta ecclesiasticità” e gli antipapisti di un tempo sono diventati iper-papisti per proprio uso e consumo. Ma Negri parla anche di famiglia, del rischio che corre la democrazia in Italia per la criminalizzazione delle opinioni non “mainstream”, di Comunione e liberazione e tanto altro.

Continua a leggere ““Gravi responsabilità dentro e fuori il Vaticano per le dimissioni di Benedetto XVI”. Parla mons. Negri”

Quante bugie su aborto e obiettori!

Per attaccare l’obiezione di coscienza, Repubblica monta il caso del Molise dove ci sarebbe un solo medico non obiettore costretto a saltare ferie e riposi per garantire gli aborti richiesti. Ma la relazione del Ministero lo smentisce, non c’è alcun super-lavoro. E non c’è neanche una relazione tra obiettori e tempi di attesa.

Continua a leggere “Quante bugie su aborto e obiettori!”

La scommessa di Pascal è sempre troppo rischiosa

Si discute di eutanasia, sempre presentata come il diritto alla scelta di porre fine alla sofferenza. Ma non si parla mai della vera posta in gioco: la vita oltre la morte. La Chiesa li chiama da sempre i Novissimi: morte, giudizio, Paradiso e Inferno. Non ricordarlo, quando si parla di eutanasia, non è affatto misericordioso.

Continua a leggere “La scommessa di Pascal è sempre troppo rischiosa”

Addio Norma, prima vittima dell’aborto

Norma McCorvey si è spenta a 69 anni. Fu lei, con lo pseudonimo di Jane Roe, a portare alla sentenza della Corte Suprema americana che nel 1973 sentenziò l’omicidio dei bambini in grembo. Anni dopo si convertì svelando le menzogne del femminismo che la usò senza scrupoli e girando in lungo e in largo gli Usa per offrire in sacrificio il suo errore e le sue riparazioni.

Continua a leggere “Addio Norma, prima vittima dell’aborto”

Pro-life europei nel mirino. Ecco la “lista di proscrizione”

Elena Zacharenko, lobbista polacca impegnata sul fronte abortista, ha pubblicato (su commissione dell’eurodeputata Heidi Hautala) uno studio sulle associazioni pro-life che sembra una lista di proscrizione. Il mondo associazionista che si oppone all’aborto, soprattutto cattolico, è presentato in termini cospirativi e ideologici, legandolo arbitrariamente all’estrema destra e al razzismo.

Continua a leggere “Pro-life europei nel mirino. Ecco la “lista di proscrizione””

Una cupa sfiducia euro-massonica contro Dio e la sua immagine

All’origine delle politiche abortiste dell’Europa, ratificate dal recente caso grave del voto al Parlamento Europeo che finanzierà gli abortifici, c’è la crisi di civiltà che il Vecchio continente sta attraversando: una cupa sfiducia verso l’uomo e verso la vita che vediamo nel drammatico calo demografico. Rileggere Ratzinger al Senato nel 2004 può aiutare a capire dove siamo arrivati.

Continua a leggere “Una cupa sfiducia euro-massonica contro Dio e la sua immagine”