Eutanasia, Olanda all’atto finale: i sani verranno uccisi

“In questi anni si sta rompendo forse l’ultima barriera, pensando a una nuova legge che permetta l’assistenza al suicidio a gente che è di per sé sana. Con questo siamo arrivati forse giù ai piedi del monte?”. La drammatiche parole del cardinale arcivescovo di Utrecht Eijk alla Giornata della Nuova BQ, sulla terribile esclation di come l’eutanasia si è imposta in Olanda. “Le esperienze olandesi devono metterci in guardia. I criteri per compiere l’eutanasia o il suicidio assistito, sono sempre più estesi e mostrano storicamente e culturalmente il rischio di avanzare verso il baratro del piano inclinato”.

Continua a leggere “Eutanasia, Olanda all’atto finale: i sani verranno uccisi”

Annunci

Suicidi, il male oscuro dell’epoca post-cristiana

Tra le meraviglie apportateci dalla modernità c’è anche questa: uno spaventoso tasso di suicidi. Nel Medioevo, quando la vita era infinitamente più dura, il fenomeno era pressoché sconosciuto. Ma erano i secoli cristianissimi e la Chiesa faceva buona guardia. Oggi, in epoca post-cristiana, la vita terrena è tutto, e non c’è altro dopo. Perciò, se la sua “qualità” non mi soddisfa, la butto via.

Continua a leggere “Suicidi, il male oscuro dell’epoca post-cristiana”

“Così il pensiero dell’inferno mi salvò la vita”

Una donna racconta di come la Grazia di Dio passi anche dal pensiero dell’Inferno: “Sono stata depressa tre anni, volevo suicidarmi, ma si fece strada in me il pensiero della condanna eterna che mi era stata insegnata a dottrina. Così da quel giorno la Provvidenza iniziò a guarirmi”.

Continua a leggere ““Così il pensiero dell’inferno mi salvò la vita””

Dj Fabo, sul “diritto a morire” decide la Consulta

Nel processo al radicale Marco Cappato per la morte procurata di DJ Fabo, il giudice chiede alla Corte Costituzionale di pronunciarsi sulla legittimità costituzionale dell’articolo del Codice Penale che punisce l’aiuto al suicidio. Che così, e grazie alla legge sulle DAT, ha buone possibilità di diventare un diritto.

Continua a leggere “Dj Fabo, sul “diritto a morire” decide la Consulta”

Prima vittima delle DAT: stop al respiro e funerali in Chiesa

Ricordate il clamore intorno al caso Welby e la posizione dei cattolici? Dimenticateli. Da quando la legge sulle DAT è in vigore si verrà uccisi prima del tempo come se fosse normale e la Chiesa, più preoccupata di piacere al mondo che di salvarlo, non batterà ciglio.

Continua a leggere “Prima vittima delle DAT: stop al respiro e funerali in Chiesa”

Giappone, uno youtuber nella foresta dei suicidi

Sembra la scena di un film horror, ma è vero. Una star di YouTube entra in una foresta giapponese, nota per essere luogo di suicidi, e vi trova un corpo senza vita. Il video ha fatto scandalo. E solleva involontariamente un problema grave: la cultura della morte in Giappone.

Continua a leggere “Giappone, uno youtuber nella foresta dei suicidi”

Eutanasia di stato: così il suicidio diventa un virus

Numeri, costi, amplificazione di una cultura della morte e della finta compassione che elimina anche i depressi, senza controlli né regole. Così un’infermiera, la cui figlia si uccise usando un manuale pro eutanasia, spiega cosa accade in Oregon a vent’anni dalla legalizzazione dell’eutanasia, dove il il tasso di suicidi è del 40% superiore alla media nazionale.

Continua a leggere “Eutanasia di stato: così il suicidio diventa un virus”

Cappato-Dj Fabo: cosa succede ad abbandonare i princìpi non negoziabili

La richiesta di archiviazione per Cappato riguardo al suicidio assistito di Dj Fabo dimostra la miopia di chi, anche fra i cattolici, snobba la battaglia per il diritto alla vita e per i princìpi non negoziabili in genere. Non si tratta di difendere valori cattolici, ma le fondamenta di una società che vuole avere un futuro. E dimostra in modo inequivocabile che l’obiettivo della legge sulle Dat è l’eutanasia.

Continua a leggere “Cappato-Dj Fabo: cosa succede ad abbandonare i princìpi non negoziabili”

«Non ho mai conosciuto un malato autodeterminato a sospendere le cure», parola di medico

Intervista al dott. Alberto Zangrillo, vate della rianimazione, dopo l’approvazione delle DAT: «Tra l’esecuzione capitale in Arkansas e il suicidio assistito in Svizzera non c’è differenza».

Continua a leggere “«Non ho mai conosciuto un malato autodeterminato a sospendere le cure», parola di medico”