San Giuseppe, uomo giusto

San Giuseppe è una figura che affascina per la grandezza della sua vocazione che si cela tra le righe di sparute vicende familiari, intessute per di più di triboli e di spine. Tuttavia, se ci si cala in attenta contemplazione in quelle poche informazioni che di lui abbiamo, vi si scorge una figura maestosa.

Continua a leggere “San Giuseppe, uomo giusto”

Annunci

“Mio figlio come Alfie: dissero che doveva morire, invece…”

Lauren Mcmahon, mamma di un bimbo di 5 anni di nome Alfie, come Alfie Evans, racconta alla Nuova BQ: «Mio figlio fu portato al Birmingham Children’s Ospital dove lo intubarono. Dopo una tac ci dissero che era cerebralmente morto, che lo stavamo facendo soffrire e che bisognava sospendere la ventilazione. Ma oggi mio figlio respira, mangia e mi chiama mamma».

Continua a leggere ““Mio figlio come Alfie: dissero che doveva morire, invece…””

Intervista: «Ho trovato 40 ostie intatte a mesi dal sisma»

Don Angelo Ciancotti, parroco della Cattedrale di Ascoli, racconta alla NuovaBQ il ritrovamento di 40 ostie, ancora intatte un anno e mezzo dopo il terremoto che nell’agosto del 2016 aveva sepolto il tabernacolo della chiesa di Santa Maria Assunta di Arquata del Tronto: «Un miracolo che ci testimonia la presenza del Signore nell’Ostia consacrata».

Continua a leggere “Intervista: «Ho trovato 40 ostie intatte a mesi dal sisma»”

Yllka, convertita dall’islam: «Non temo nulla, con Gesù ho tutto»

Da bimba conosce la Chiesa clandestina in Albania e rimane folgorata: “La loro gioia mi mostrò chi era il vero Dio. Un Dio incarnato e che dà la felicità quaggiù”. Così Yllka Tabaku attraversa il mare verso l’Italia e pur minacciata da alcuni parenti decide di battezzarsi: “Con l’Amore di Gesù non temo nulla, è più grande di ogni cosa. Chiede tutto ma per darti di più”.

Continua a leggere “Yllka, convertita dall’islam: «Non temo nulla, con Gesù ho tutto»”

Jim Caveziel e la Fake Christianity

L’anno nuovo comincia con le parole potenti di Jim Caviezel, non possiamo ignorarle come ignoriamo le noiose reprimende dei fabbricanti di clandestini.

Continua a leggere “Jim Caveziel e la Fake Christianity”

L’apparente contraddizione del Natale

La Messa di Natale celebrata per la prima volta dopo quattro anni di guerra a Mosul nella Chiesa di san Paolo è stata partecipata da tutti i cristiani rimasti o tornati nella piana di Ninive, che hanno lodato con gioia e speranza a Cristo che nasce, come ha sottolineato il patriarca caldeo in Iraq, Louis Sako: “Con questa Messa, stiamo inviando a tutti un messaggio di pace e di gioia”.

Continua a leggere “L’apparente contraddizione del Natale”

Speranza, la virtù che non piaceva a Lutero

A dieci anni dalla pubblicazione dell’enciclica Spe Salvi di Benedetto XVI, ripercorriamo i passi salienti di questo eccezionale documento: dalla novità portata da Cristo all’attacco feroce che la “speranza” ha subito negli ultimi 500 anni, fino al compito che spetta oggi alla cristianità.

Continua a leggere “Speranza, la virtù che non piaceva a Lutero”

Dallo “stato vegetativo” al ballo dopo un lento miracolo

Victoria Arlen, che oggi balla in tv, spiega i suoi 7 anni in carrozzina e i 3 in stato vegetativo. “I dialoghi di 4 anni solo con Dio, la preghiera e l’amore della mia famiglia”, sono riusciti a superare tutti i pronostici scientifici.

Continua a leggere “Dallo “stato vegetativo” al ballo dopo un lento miracolo”

Nostra Signora tra le Rivoluzioni: Fatima ci salva

Fatima si incastona tra due rivoluzioni: del Portogallo prima e della Russia poi. Anche se le rivoluzioni hanno prodotto sventure, ci sono in Fatima 3 positività: la Madonna interviene nella nostra storia, l’apparizione finale del 13 ottobre con la benedizione del mondo e la positività del “segreto” perché la sofferenza non è stata vana, ma è salvifica.

Continua a leggere “Nostra Signora tra le Rivoluzioni: Fatima ci salva”

Uscire dalle macerie: una speranza chiamata Fatima

Il terremoto a Città del Messico e la storia di una bambina: intrappolata nel crollo della scuola. Col cellulare è riuscita a coinvolgere migliaia di persone nella sua ricerca. E a salvare così lei e altri compagni di classe.

Continua a leggere “Uscire dalle macerie: una speranza chiamata Fatima”