Fine vita, Parolin frena Paglia & Co.

Importante messaggio del Segretario di Stato vaticano in occasione della Conferenza internazionale sulle cure palliative organizzata dalla Pontificia Accademia per la Vita (PAV): confine chiaro tra cure palliative ed eutanasia, sedazione profonda solo come “estremo rimedio”.

Continua a leggere “Fine vita, Parolin frena Paglia & Co.”

Annunci

L’eutanasia di Patrizia Cocco e la nostra umanità residua

A cosa serve la legge sulle DAT? Ad uccidere i malati, prima che la natura faccia il suo corso. Nient’altro: non serve ad altro! Anzi, sì: serve ad uccidere anche i disabili o i malati gravi, anche se non l’hanno chiesto; serve a non salvare la vita – anche quando è possibile – di persone che hanno perso la coscienza. Cosa serve la sedazione palliativa profonda prevista dalla legge? Ad uccidere il paziente senza farlo soffrire.

Continua a leggere “L’eutanasia di Patrizia Cocco e la nostra umanità residua”

La sedazione, il senso del dolore e la morte cristiana

Dopo la morte di Marina Ripa di Meana, avvenuta senza spiegazioni precise sulla sua condizione, si è generata una confusione fra eutanasia e sedazione profonda, mentre in casa cattolica si è aperto un interessante dibattito tra doloristi e non-doloristi. Posizioni entrambe sbagliate: ecco cosa dice la Chiesa sul senso del dolore e il dovere della cura cristiani. Mentre in una intervista il dottor Bulla, esperto di cure palliative, spiega quando è lecito effettuare la sedazione.

Continua a leggere “La sedazione, il senso del dolore e la morte cristiana”

Sedazione ed eutanasia, facciamo chiarezza

La sedazione profonda rientra a pieno titolo tra le cure palliative, ma può essere usata anche con intenti eutanasici, se si dà un’overdose di oppiacei per accelerare la morte. E la legge sulle DAT dà un’ulteriore possibilità di usare la sedazione a scopo di eutanasia. Ecco come…

Continua a leggere “Sedazione ed eutanasia, facciamo chiarezza”

Charlie, ostaggio di uno stato etico

La prima criticità della vicenda di Charlie è la negazione del diritto di scelta delle cure: gli viene rifiutato il trasferimento in altro luogo di cura, dove vengono utilizzate cure sperimentali, che se pur di dubbia efficacia, lasciano comunque sperare. Tale negazione determina la stretta conseguenza che il bambino sia in ostaggio di un ospedale britannico.

Continua a leggere “Charlie, ostaggio di uno stato etico”