Cosa vuol dire contemplare i Misteri del Rosario?

San Luigi Grignion de Monfort diceva che «non c’è segno migliore per conoscere se un’anima brucia di amore per Iddio di quello di osservare se essa dice volentieri le Ave Maria e il santo Rosario».

Continua a leggere “Cosa vuol dire contemplare i Misteri del Rosario?”

Margherita Maria Alacoque, la santa nel Cuore di Gesù

Alla propagatrice del culto del Sacro Cuore, santa Margherita Maria Alacoque (1647-1690), Gesù fece 12 promesse particolari, l’ultima delle quali è detta “Grande”: Nostro Signore le promise infatti che coloro che faranno la Comunione nei primi venerdì, per nove mesi consecutivi, avranno il dono di morire in grazia di Dio e «il mio Cuore si renderà asilo sicuro in quel supremo momento».

Continua a leggere “Margherita Maria Alacoque, la santa nel Cuore di Gesù”

Newman e la condanna dell’indifferentismo religioso

Oggi, giorno della sua conversione al cattolicesimo, ricorre la memoria di san John Henry Newman, creato cardinale da Leone XIII il 12 maggio 1879. Per l’occasione, l’inglese pronunciò il famoso Discorso del biglietto che contiene una denuncia lucidissima – a tratti profetica – dell’idea di ritenere le religioni tutte uguali e dell’espulsione della fede dalla sfera pubblica.

Continua a leggere “Newman e la condanna dell’indifferentismo religioso”

Il Santo Rosario, l’arma donata dal Cielo

Il 7 ottobre 1571, nelle acque greche di Lepanto, la flotta musulmana dell’Impero Ottomano si scontrò con la flotta cristiana della Lega Santa. Prima della battaglia, i cristiani recitarono il Rosario e chiesero l’intercessione di Maria.

Continua a leggere “Il Santo Rosario, l’arma donata dal Cielo”

Maria, donna dei dolori

Furono i serviti a diffondere il culto dei «Sette dolori della Vergine», un numero che si basa su altrettanti episodi narrati nei Vangeli. Oggi la celebrazione ha il nome di “Beata Vergine Maria Addolorata”, che meglio esprime la sua totale partecipazione all’opera salvifica del Figlio, «servendo al mistero della Redenzione in dipendenza da Lui e con Lui» (Lumen Gentium, 56).

Continua a leggere “Maria, donna dei dolori”

Esaltazione della Santa Croce: “Ave, o Croce, unica speranza!”

La festa dell’Esaltazione della Santa Croce arrivò in Occidente dall’Oriente, dove è celebrata con una solennità pari alla Pasqua. Sant’Andrea di Creta spiegava che la croce «è insieme patibolo e trofeo di Dio. Patibolo per la sua volontaria morte su di essa. Trofeo perché con essa fu vinto il diavolo e col diavolo fu sconfitta la morte. Inoltre la potenza dell’inferno venne fiaccata, e così la croce è diventata la salvezza…».

Continua a leggere “Esaltazione della Santa Croce: “Ave, o Croce, unica speranza!””

San Giovanni Crisostomo: “Gloria a Dio in tutte le cose”

Confutò l’eresia ariana e divenne un celebre predicatore, capace di trasmettere le Scritture in modo comprensibile a tutti i fedeli: proprio per la sua eloquenza, un secolo dopo la morte gli verrà dato il soprannome greco di Crisostomo, cioè «Bocca d’oro».

Continua a leggere “San Giovanni Crisostomo: “Gloria a Dio in tutte le cose””

Maria, il secondo nome più bello

Per santa Brigida «il nome di Maria è soave per gli angeli e terribile per i demoni», per san Bonaventura è come una colonna di fuoco, per sant’Alfonso Maria de’ Liguori è «beato chi nelle battaglie con l’Inferno invoca sempre il bel nome di Maria!». Esistono decine di interpretazioni del significato del Santissimo Nome di Maria, ma c’è un unico disegno divino che lo riguarda: è fonte di salvezza.

Continua a leggere “Maria, il secondo nome più bello”

Ad Avignone quasi 800 anni di Adorazione perpetua

Istituita nel 1246 dal vescovo Roberto de Thorete, la devozione genera frutti spirituali ovunque viene praticata.

Continua a leggere “Ad Avignone quasi 800 anni di Adorazione perpetua”

Vuoi imparare a mangiare bene e sano? Vai in monastero

Il segreto di una cucina sana e buona, ma evitando il peccato capitale della gola, si trova già nella Regola di San Benedetto e grande è anche l’opera di S. Ildegarda di Bingen. Nei monasteri europei sono nate centinaia di ricette oggi diventate comuni: verdure, salumi, formaggi, ma anche dolci e birre e liquori. La tradizione culinaria monastica è tuttora molto viva e sono centinaia in Europa e negli Stati Uniti i monasteri che vendono i loro prodotti online.

Continua a leggere “Vuoi imparare a mangiare bene e sano? Vai in monastero”