Turisti in chiesa. Evangelizzazione o illusione?

Si pensa che sia possibile catechizzare le persone lontane dalla Chiesa partendo dal loro interesse culturale e artistico. Ma la sola apertura ai turisti degli edifici sacri non può bastare. Senza determinate condizioni si rischia addirittura di ottenere l’effetto opposto: mondanizzare e desacralizzare la nostre chiese. Ecco cosa dice il magistero a riguardo delle opere d’arte e che cosa fedeli e prelati devono evitare.

Continue reading “Turisti in chiesa. Evangelizzazione o illusione?”

Divorziati “risposati”, il giudizio è sullo stato di vita, non tocca ai preti giudicare l’anima dei fedeli

Il no all’Eucaristia si giustifica con le condizioni oggettive. La Chiesa ha sempre giudicato l’azione, solo Dio conosce lo stato di grazia di una persona. Sarebbe davvero curioso se in Amoris Laetitia, laddove il Papa chiede il “discernimento” da parte dei pastori, si intendesse un giudizio sulle anime, che la Chiesa ha sempre giudicato “avventato”. “Discernimento” si deve perciò riferire ad altro, non alle possibilità di accedere alla comunione.

Continue reading “Divorziati “risposati”, il giudizio è sullo stato di vita, non tocca ai preti giudicare l’anima dei fedeli”

Ridurre la fede a testimonianza personale è la negazione della Dottrina sociale della Chiesa

Nel dibattito ecclesiale acceso dal disegno di legge sulle unioni civili, ricompare il dualismo, cioè la divisione tra una esperienza personale di fede e l’impegno culturale, sociale e politico. Una posizione che porta a estraniarsi dalla società quando invece la logica di fede e di missione impone di farci presenti attraverso una correttissima forma di pressione quale è una manifestazione.

Continue reading “Ridurre la fede a testimonianza personale è la negazione della Dottrina sociale della Chiesa”

“Giovanni Paolo II sapeva che il Muro di Berlino sarebbe caduto”

Ricorre domenica prossima il 25.mo della caduta del Muro di Berlino, un evento spartiacque della storia contemporanea. Per giudizio pressoché unanime degli storici, Giovanni Paolo II fu tra coloro che più contribuirono a quello straordinario avvenimento e al successivo dissolvimento dell’impero sovietico. Per una testimonianza su come Karol Wojtyla ha vissuto quel 9 novembre del 1989, Alessandro Gisotti ha intervistato l’ex direttore della Sala Stampa Vaticana, Joaquin Navarro-Valls.

Continue reading ““Giovanni Paolo II sapeva che il Muro di Berlino sarebbe caduto””