Eutanasia, lo Stato contro gli ospedali cattolici

La legge appena approvata sul biotestamento non prevede l’obiezione di coscienza, il che significa che gli ospedali cattolici saranno costretti a scontrarsi con lo Stato.

Continua a leggere “Eutanasia, lo Stato contro gli ospedali cattolici”

Annunci

I medici vogliono uccidere Alfie: “La sua vita non ha senso”

Dopo l’omicidio di Stato di Charlie Gard ora “sta per essere condannato Alfie Evans”, 17 mesi, di cui oltre 12 presso l’Alder Hey Children’s Hospital di Liverpool. Il piccolo interagisce e un ospedale europeo è pronto a curarlo. Ma per i medici “la sua qualità di vita è povera e senza senso”.

Continua a leggere “I medici vogliono uccidere Alfie: “La sua vita non ha senso””

Belgio, eutanasia fuori controllo, pure i medici favorevoli chiedono paletti

Dal 2002 è legge e miete vittime con un ritmo impressionante di decessi, spesso ottenuti per convincimento da parte di medici spregiudicati su pazienti malati mentali. Tanto che adesso molti medici chiedono paletti per fermare i “dottor morte” che mandano a morire con un semplice tratto di penna. In Belgio l’eutanasia è ormai fuori controllo.

Continua a leggere “Belgio, eutanasia fuori controllo, pure i medici favorevoli chiedono paletti”

Dallo “stato vegetativo” al ballo dopo un lento miracolo

Victoria Arlen, che oggi balla in tv, spiega i suoi 7 anni in carrozzina e i 3 in stato vegetativo. “I dialoghi di 4 anni solo con Dio, la preghiera e l’amore della mia famiglia”, sono riusciti a superare tutti i pronostici scientifici.

Continua a leggere “Dallo “stato vegetativo” al ballo dopo un lento miracolo”

“Se il suicidio assistito fosse legale sarei già morto”

Un uomo coetaneo di Brittany Maynard, la donna usata come sponsor della legalizzazione del “suicidio assistito”, colpito dalla stessa malattia nello stesso anno, non solo ha scelto un’altra strada ma sostiene che la sola via umana è la lotta per la vita. “Questa legge non dà libertà di scelta ma fa sentire obbligati a uccidersi”. 

Continua a leggere ““Se il suicidio assistito fosse legale sarei già morto””

Belgio, ospedale “cattolico” pro-eutanasia: il braccio di ferro con la Santa Sede

Da Roma è arrivato uno stop deciso alla decisione dei Fratelli della carità belgi di praticare l’eutanasia su pazienti psichiatrici in fase non terminale. Ora dovranno aderire pienamente al Magistero, pena provvedimenti canonici. Ma i “fratelli” belgi sono molto agguerriti. Hanno già rimandato al mittente le richieste del superiore e del vescovo e ignorato una lettera dalla Cdf.

Continua a leggere “Belgio, ospedale “cattolico” pro-eutanasia: il braccio di ferro con la Santa Sede”

GB, In lotta per Alfie, il bimbo senza diagnosi da uccidere

Dopo Charlie, c’è un altro piccolo combattente da sostenere nella sua battaglia per il diritto alla vita: Alfie Evans. Quattordici mesi, è in coma da dicembre a Liverpool e ancora non ha avuto una diagnosi sulla misteriosa infezione che lo ha colpito. Ma medici vogliono staccare la spina e i genitori hanno fatto partire una campagna.

Continua a leggere “GB, In lotta per Alfie, il bimbo senza diagnosi da uccidere”

Vescovi inglesi, Avvenire, D’Agostino, Paglia: Charlie ci fa scoprire la via cattolica all’eutanasia

Il caso Charlie ha fatto emergere con chiarezza che oggi domina anche nel mondo cattolico una cultura favorevole all’eutanasia. Se il professor D’Agostino ridefinisce il concetto di accanimento terapeutico ed eutanasia, monsignor Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita, chiede solo di evitare conflitti. E mentre il cardinale Nichols ringrazia i medici che hanno ucciso Charlie, “Avvenire” scandalizza i lettori negando l’evidenza di quanto accaduto.

Continua a leggere “Vescovi inglesi, Avvenire, D’Agostino, Paglia: Charlie ci fa scoprire la via cattolica all’eutanasia”

Charlie è stato ucciso. Ma la morte non è l’ultima parola

Sul caso di Charlie non si può non provare sgomento per l’assenza ingiustificata della Chiesa, anzi dei suoi pastori, fatte salve alcune, rare, eccezioni.

Continua a leggere “Charlie è stato ucciso. Ma la morte non è l’ultima parola”

Visita specialistica, una speranza per Charlie

Charlie Gard è stato visitato dal dottor Hirano dell’ospedale della Columbia University di New York e da un altro specialista del Bambin Gesù. Secondo Hirano, un trattamento sperimentale darebbe qualche chance in più. Intanto la decisione sulla vita del bambino continua ad essere appesa alla prossima sentenza.

Continua a leggere “Visita specialistica, una speranza per Charlie”