Marcia per la Vita, obiettivo: smantellare la Legge 194

Nessun approccio «minimalista e fallimentare»: abrogare la legge 194 iniziando dal suo finanziamento pubblico, perché «utilizzare i soldi degli italiani per uccidere i nostri bambini è un’ingiustizia tremenda». Questo è quanto chiederà alla politica la Marcia nazionale per la Vita, il grande evento pro-life che il prossimo 18 maggio riempirà il centro di Roma con numeri mai avuti prima. Parla Virginia Coda Nunziante, portavoce della Marcia.

Continua a leggere “Marcia per la Vita, obiettivo: smantellare la Legge 194”

Annunci

Clandestinità e mortalità: le fake news degli abortisti

Pubblichiamo il documento sulle fake news degli abortisti diffuso da ProVita Onlus in occasione della campagna di sensibilizzazione a 40 anni dall’approvazione della legge 194 sull’aborto. Si tratta di un documento importante per comprendere le bugie sulla mortalità e la clandestinità degli aborti che spesso sono portate come scuse da chi sostiene la causa dell’aborto.

Continua a leggere “Clandestinità e mortalità: le fake news degli abortisti”

Video. Legge 194, una strage che dura da 40 anni

Ricorrono i 40 anni dall’entrata in vigore della legge 194, promulgata il 22 maggio 1978 per introdurre l’aborto legale in Italia. Questa legge è stata un’autentica strage di innocenti: più di sei milioni di aborti. La legge 194 è una legge che dovrebbe essere abolita subito. La vera liberazione della donna è la liberazione dalla schiavitù dell’aborto. I tempi sono maturi: l’Italia diventa sempre più povera perché siamo il Paese al mondo con la natalità più bassa. Intervista al ginecologo milanese Leandro Aletti, che ha combattuto in prima persona la battaglia contro l’aborto negli anni più caldi successivi all’approvazione della legge 194, subendo vari processi a causa del suo impegno in difesa della vita. Si tratta del primo di una serie di video che la Nuova Bussola Quotidiana dedica ai 40 anni della Legge 194.

Quante bugie su aborto e obiettori!

Per attaccare l’obiezione di coscienza, Repubblica monta il caso del Molise dove ci sarebbe un solo medico non obiettore costretto a saltare ferie e riposi per garantire gli aborti richiesti. Ma la relazione del Ministero lo smentisce, non c’è alcun super-lavoro. E non c’è neanche una relazione tra obiettori e tempi di attesa.

Continua a leggere “Quante bugie su aborto e obiettori!”

Paolo VI contro la realpolitik, un monito attuale

Il 7 giugno di 38 anni fa entrava in vigore la legge 194 che legalizzava l’aborto. Papa Paolo VI richiamò tutti al dovere di dare la dovuta osservanza all’insegnamento della Chiesa, oscurato da quel provvedimento legislativo. La Dc comprese di essere di fronte ad uno spartiacque, eppure…

Continua a leggere “Paolo VI contro la realpolitik, un monito attuale”

Si parla di donne e medici ma nell’aborto il tema è il bambino

Un altro caso – a Belfast – di bambino sopravvissuto alla nascita a 23 settimane, rimette davanti agli occhi di tutti la realtà: quando si parla di aborto si parla di bambini uccisi non di diritti delle donne e di lavoro dei medici. E senza abrogazione della 194 l’obiezione di coscienza sarà sempre in pericolo.

Continua a leggere “Si parla di donne e medici ma nell’aborto il tema è il bambino”

«Praticavo aborti, ma ero triste. Finché un giorno Giovanni Paolo II…»

La straordinaria testimonianza di rinascita nella fede di Piero Rossi, ginecologo abortista della Mangiagalli: «Mi credevo il Dio della mia vita, ma non capivo perché stessi sempre male. La mia vita è cambiata ascoltando la “chiamata” alle Sentinelle del mattino». Da quel giorno è iniziato un cammino che mi ha portato a smettere la pratica degli aborti perché la donna non la aiuti privandola di un dono, ma aiutandola ad accoglierlo».

Continua a leggere “«Praticavo aborti, ma ero triste. Finché un giorno Giovanni Paolo II…»”