Germania, alcuni sacerdoti chiedono le dimissioni del card. Marx da presidente della conferenza episcopale tedesca

Ci sono ancora dei sacerdoti cattolici in Germania? Sembrerebbe di sì, dato che un gruppo di sacerdoti riuniti sotto il nome di Communio veritatis, hanno chiesto al cardinale Reinhard Marx di dimettersi da presidente della Conferenza Episcopale Tedesca.

Continua a leggere “Germania, alcuni sacerdoti chiedono le dimissioni del card. Marx da presidente della conferenza episcopale tedesca”

Annunci

“No a riparazioni per i gay pride”: il falso vangelo di Avvenire

Un commento di Avvenire esalta i vescovi che prendono le distanze dalle preghiere di riparazione contro i “gay-pride” e nega la possibilità di pregare “contro”. Ma tutti i Salmi lo sono, anche i Padri lo fanno e la Chiesa l’insegna da duemila anni. Possibili strumentalizzazioni non possono sminuire l’importanza della riparazione.

Continua a leggere ““No a riparazioni per i gay pride”: il falso vangelo di Avvenire”

Argentina, primo via libera all’aborto, con l’imposizione del FMI

Dopo 23 ore di discussione in Parlamento a Buenos Aires, la Camera ha dato il via libera al progetto di legge di depenalizzazione dell’aborto. Determinanti i voti degli indecisi. Alla fine termina 129 a 125 con una sola astensione. Ora la palla passa al Senato. Ma è una legge che il presidente cattolico Macri ha dovuto accettare a causa delle imposizioni della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale che sono i principali creditori del Paese. Anche la Chiesa, a parte alcune eccezioni come il vescovo Aguer, si è mostrata timida.

Continua a leggere “Argentina, primo via libera all’aborto, con l’imposizione del FMI”

CEI e radicali: l’impossibile cammino con chi rifiuta i principi non negoziabili. Anche nel nome dei diritti

Il problema dell’adesione cattolica alla marcia dei radicali pone un problema importante. È bene ricordare che non si può mai collaborare al male, nemmeno per fare il bene. Questa regola aurea della morale umana e cristiana è tuttora valida. Ecco perché non è corretto collaborare su alcuni temi con chi nega i principi non negoziabili perché vede in modo sbagliato anche gli altri ambiti d’impegno.

Continua a leggere “CEI e radicali: l’impossibile cammino con chi rifiuta i principi non negoziabili. Anche nel nome dei diritti”