“La massoneria è luciferina”, parola di ex massone

È appena uscito in Francia un libro intitolato Je servais Lucifer sans le savoir (Servivo Lucifero senza saperlo), scritto dall’ex massone, convertito al cattolicesimo, Serge Abad-Gallardo. In un’intervista a Famille Chretienne, l’autore ha spiegato questa tragica e drammatica verità.

Continua a leggere ““La massoneria è luciferina”, parola di ex massone”

Annunci

Consultori e aborto, Giovanni Paolo II aveva visto tutto

Ritorniamo sulla benedizione impartita dalla Conferenza episcopale tedesca ai consultori cattolici che fanno capo all’organizzazione Donum vitae. L’aspetto problematico dal punto di vista morale dell’attività di questi consultori sta nel fatto che l’impegno volto a dissuadere le donne dall’aborto si accompagna necessariamente al servizio di rilascio del certificato medico indispensabile per abortire laddove il colloquio dissuasivo non fosse andato a buon fine.

Continua a leggere “Consultori e aborto, Giovanni Paolo II aveva visto tutto”

Canada, un vescovo bacchetta il premier “diversamente cattolico”

Il governo canadese dal premier Justin Trudeau esclude dai fondi per i lavori estivi destinati ai giovani gli imprenditori che non dichiarano fedeltà alla nuova serie di “diritti” creati dall’esecutivo, in particolare quello relativo ai “diritti riproduttivi”: contraccezione e aborto. Ciò ha provocato la pesante reazione dell’arcivescovo di Ottawa, il gesuita Terrence Prendergast.

Continua a leggere “Canada, un vescovo bacchetta il premier “diversamente cattolico””

Marcia per la Vita USA, la prima volta di un presidente

“La Marcia per la Vita è un movimento nato dall’amore”, ha dichiarato un Trump, più sereno che mai, nel Giardino delle Rose della Casa Bianca. È la prima volta che un presidente in carica interviene nel grande evento pro-life di Washington DC, giunto alla sua 45ma edizione, per protesta contro l’aborto.

Continua a leggere “Marcia per la Vita USA, la prima volta di un presidente”

Pillola abortiva “fa cilecca”, la vita vince sulla RU-486

Una donna del Michigan si reca in clinica per abortire con la pillola RU-486, ma dopo una settimana il feto è ancora vivo. Così decide di portare a termine la gravidanza contro il parere dei medici e vince: da una gravidanza rifiutata e poi accolta nasce l’esperienza delle cliniche che aiutano le donne e contrastare gli effetti di quello che Lejeune chiamava il pesticida umano.

Continua a leggere “Pillola abortiva “fa cilecca”, la vita vince sulla RU-486″

L’obiezione di coscienza non addolcisce le leggi ingiuste

Coloro che ora minacciano l’obiezione di coscienza e che protestano perché la legge sulle DAT non la prevede, non si erano però granché visti in fase di discussione della legge a dire che essa era ingiusta e che andava combattuta. Coerenza avrebbe voluto che avessero parlato chiaro anche prima e avessero mobilitato l’opinione pubblica, indirizzato adeguatamente la valutazione dei credenti e spinto i parlamentari ad un diverso voto. Perché gridare “al lupo!” quando il lupo è già entrato nell’ovile?

Continua a leggere “L’obiezione di coscienza non addolcisce le leggi ingiuste”

L’Ohio vieta l’aborto dei Down, i cittadini più felici

Il governatore Kasich ha dichiarato che il suo “continuerà ad essere uno Stato che guarda alla vita delle persone affette dalla sindrome di Down come degna di essere vissuta”. E anche se l’aborto “dovrebbe essere vietato in ogni caso” questa è una vittoria che permette a persone bisognose di diffondere gioia in un Occidente depresso.

Continua a leggere “L’Ohio vieta l’aborto dei Down, i cittadini più felici”

Seppellire i feti abortiti, l’esempio del Veneto

Ai nascituri abortiti non viene riconosciuto né il diritto alla vita, né una dignità, essendo trattati come «rifiuti ospedalieri speciali», almeno fino alla ventesima settimana. Ma in Veneto la politica ha deciso di dare una svolta. Ecco che cosa dice l’assessore che ha ottenuto la legge regionale per la sepoltura.

Continua a leggere “Seppellire i feti abortiti, l’esempio del Veneto”

Emergenza denatalità, eppure la soluzione è così semplice

Bisogna aver chiaro che il rimedio alla denatalità può essere soltanto l’aumento dei tassi di fecondità. Se non si tornerà almeno al livello di sostituzione, che è di 2,1 figli per donna (contro gli 1,34 attuali) le cose potranno solo peggiorare, e in queste condizioni una massiccia immigrazione può solo far esplodere i conflitti sociali.

Continua a leggere “Emergenza denatalità, eppure la soluzione è così semplice”

Aborto selettivo, l’ipocrisia del Corriere

L’aborto va bene, basta che non si abortiscano volontariamente le bambine. È questa l’ultima frontiera dell’ipocrisia perbenista, che trasuda dall’articolo pubblicato ieri da Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera.

Continua a leggere “Aborto selettivo, l’ipocrisia del Corriere”