Cosa vuol dire contemplare i Misteri del Rosario?

San Luigi Grignion de Monfort diceva che «non c’è segno migliore per conoscere se un’anima brucia di amore per Iddio di quello di osservare se essa dice volentieri le Ave Maria e il santo Rosario».

Pubblichiamo due brevi pensieri di don Divo Barsotti (1914-2006), sacerdote e fondatore della Comunità dei Figli di Dio, che possono aiutare a rispondere a chi chiede perché pregare il Rosario. I 20 misteri meditati da padre Serafino Tognetti, monaco della stessa Comunità dei Figli di Dio, li abbiamo raccolti in un breve libro, 64 pagine, edito dal Timone.

DON DIVO E IL ROSARIO

«La Madonna a Lourdes si è manifestata come l’Immacolata, ma a Fatima si è manifestata proprio come la Madonna del Rosario. Cediamo la parola a chi ha più autorità di me: ‘Non c’è segno migliore per conoscere se un’anima brucia di amore per Iddio di quello di osservare se essa dice volentieri le AveMaria e il santo Rosario’. Così diceva san Luigi Grignion di Montfort e raccomandava: ‘Vi prego, per l’amore che vi porto in Gesù e in Maria, di recitare ogni giorno la corona; anzi, se ne avete tempo, l’intero Rosario, poiché il giorno della vostra morte benedirete il giorno e l’ora in cui mi avrete creduto»

Don Divo Barsotti – Ritiro del 19.10.1969 a Firenze

UNIONE TRASFORMANTE

«Che cosa facciamo nel Rosario? Meditiamo i Misteri. Che cosa facciamo nel Rosario? Contempliamo i Misteri. E che cosa vuol dire contemplare i Misteri? Ogni contemplazione di per sé è trasformatrice: si vede e si diviene simili a Colui che si vede: «Similes Ei erimus quoniam videbimus Eum sicut est» (1 Gv 3, 2). La visione ci trasforma: perché vediamo Dio, diveniamo simili a Lui; perché contempliamo Cristo diveniamo simili a Lui, ne viviamo la vita. Maria Santissima è quella che ha vissuto di più della vita del Cristo, perché più di ogni altra ha ascoltato la Parola, l’ha conservata nel suo cuore (cfr. Lc 2, 19). Quello che dice san Luca della vita interiore di Maria, si ripete per tutti i cristiani. Tutti i cristiani debbono contemplare il Mistero del Cristo, ascoltarne la Parola, vedere l’avvenimento e parteciparvi, nella loro intima vita, e assimilarsi a questi Misteri contemplandoli incessantemente».

Don Divo Barsotti – LA MADONNA DEL ROSARIO – Ritiro a Viareggio 7 Ottobre 1960

(Fonte: IlTimone)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.