Don Strumia: Il nuovo “Padre nostro”? Frutto del protagonismo umano e della smania di cambiamento

«Al di là della traduzione, si ha la netta impressione, per non dire la certezza morale», denuncia don Alberto Strumia, sacerdote bolognese in quest’intervista ad Aldo Maria Valli, «che oggi chi ha la smania di questi cambiamenti lo stia facendo più per protagonismo e per rompere la già fragile unità della liturgia e della vita della Chiesa, in nome del relativismo dilagante, che per una vera preoccupazione per il bene delle anime».

Continua a leggere “Don Strumia: Il nuovo “Padre nostro”? Frutto del protagonismo umano e della smania di cambiamento”

Celibato, Benedetto XVI (e Sarah) parla all’unisono con la Tradizione

Esce oggi in Italia Dal profondo del nostro cuore. Il saggio di Ratzinger fa luce sul mistero del sacerdozio nella Nuova Alleanza, che richiede la continenza perpetua, partendo dal confronto con il sacerdozio levitico, prefigurazione di ciò che Cristo porterà a compimento. L’argomento teologico di Benedetto era già presentissimo negli scritti della Chiesa antica. Il sacerdote è infatti l’uomo della preghiera e del Sacrificio, chiamato a stare sempre al cospetto di Dio.

Continua a leggere “Celibato, Benedetto XVI (e Sarah) parla all’unisono con la Tradizione”

Spagna verso il regime comunista, SOS della Chiesa

«Abbiamo visto come il comunismo si è introdotto in Venezuela. Ed è quanto sta avvenendo ora in Spagna»: a lanciare l’allarme, dalle colonne del quotidiano ABC, sono state Eva Buitrago Violeta Perdorno entrambe esponenti dell’Associazione Pensionati venezuelana. Scorgono ora nel Paese iberico gli stessi germi, che hanno portato il marxismo al potere in Venezuela, a partire dall’era Maduro. E non sbagliano.

Continua a leggere “Spagna verso il regime comunista, SOS della Chiesa”

Elezioni, per i cattolici una strada dal basso

Dentro la Chiesa ci sono due modi di intendere le cose politiche, quella dei cattolici-democratici e quella dei cattolici-che-intendono-distinguersi-dai-cattolici-democratici. Tra le due posizioni, prima che di orientamento politico, ci sono differenze teologiche. La sola via possibile è far nascere dal basso esperienze formative e poi di orientamento politico, con criteri molto demarcati e definiti da giocare poi con interlocutori politici.

Continua a leggere “Elezioni, per i cattolici una strada dal basso”

San Tommaso d’Aquino, il Teologo cattolico

«Voi lo chiamate “Bue Muto”: ma io vi dico che questo bue muggirà così forte che lo si sentirà in tutto il mondo». Così Alberto Magno, durante una delle sue lezioni all’Università di Colonia, a proposito di un allievo che tutti dileggiavano perché grande, grosso e taciturno, scambiando il suo umile silenzio per insipienza. E quel “Bue Muto” doveva infatti cambiare le sorti della cultura mondiale, “riabilitando” Aristotele e fungendo da cerniera tra mondo classico e mondo cristiano. Alberto Magno parlava infatti riferendosi a san Tommaso d’Aquino, (1225-1274), il Doctor Angelicus come poi fu chiamato dai suoi contemporanei.

Continua a leggere “San Tommaso d’Aquino, il Teologo cattolico”

Dio abita nel Lager, quei sacerdoti internati a Dachau

La storia della “baracca dei preti” del Blocco 26 del campo di Dachau dove vennero imprigionati 2.720 sacerdoti e uccisi 1054. Sperimentarono il furore anticristiano delle SS naziste. San Paolo VI ricevette i superstiti e lodò la loro fedeltà al sacerdozio. La loro presenza costituiva la presenza di Dio in una situazione dove sembrava assente.

Continua a leggere “Dio abita nel Lager, quei sacerdoti internati a Dachau”

San Tommaso d’Aquino, la cattedra si cui s’infrange l’errore

Quando venne iscritto nell’Albo dei santi, alcuni insorsero perché il Teologo domenicano non aveva compiuto grandi prodigi né in vita né dopo la morte. Ma papa Giovanni XXII rispose: “Quante proposizioni teologiche scrisse, tanti miracoli fece”. Presentiamo la storia e l’insegnamento di questo Santo eccezionale.

Continua a leggere “San Tommaso d’Aquino, la cattedra si cui s’infrange l’errore”

Un prete dal Ruanda: “Vi racconto la Madonna di Kibeho”

Ha vissuto sulla sua pelle la strage del genocidio del 1994 in Ruanda ed è sopravvissuto. A La Nuova BQ don Jean Claude racconta di come la sua vita sia cambiata dall’incontro con la Madonna. E ci svela come le apparizioni e le profezie della Madre di Kibeho in terra africana non siano concluse, ma parlano all’uomo e alla Chiesa di oggi: “Ecco perché tutti dobbiamo ascoltare la Madonna e mettere in pratica quello che Lei dice”.

Continua a leggere “Un prete dal Ruanda: “Vi racconto la Madonna di Kibeho””

Così i medici cubani stalinizzano l’America Latina

Partono da Cuba come medici, ingaggiati per i programmi di cooperazione negli stati latinoamericani. Ma sono infiltati del regime che tra indottrinamento e delazione destabilizzano in chiave stalinista i Paesi. Bolsonaro li ha smascherati mentre la comunità internazionale ha permesso la normalizzazione di questo sistema repressivo.

Continua a leggere “Così i medici cubani stalinizzano l’America Latina”