Charlie, se anche l’Osservatore Romano preferisce la morte

Se il piccolo Charlie non è stato ancora soppresso, lo si deve alla straordinaria mobilitazione di popolo, in preghiere e appelli. L’Osservatore Romano invece se la prende con il chiasso mediatico e invoca il silenzio per fare sì che «il mistero della vita faccia il suo corso».

Continua a leggere “Charlie, se anche l’Osservatore Romano preferisce la morte”