Charlie, il card. Caffarra interviene: “In nome di Dio: fermatevi!”

Il card. Carlo Caffarra, arcivescovo emerito di Bologna, interviene sul triste caso di Charlie, parlando come un pastore cattolico ha il dovere di parlare.

di Francesco Boezzi (30-06-2017)

Caffarra prende posizione su Charlie. L’arcivescovo emerito di Bologna, già cardinale, che lo scorso Il 26 maggio ha presentato a papa Francesco la sua rinuncia al governo pastorale dell’arcidiocesi bolognese per raggiunti limiti di età, ha voluto rilasciare al Giornale.it una dichiarazione in esclusiva sul caso di Charlie Gard, il bambino ricoverato a Londra cui verrà staccato l’impianto di ventilazione che lo tiene in vita a seguito della decisione presa dalla Corte di Stasburgo e da quelle britannica.

L’appello dei genitori di far morire il piccolo in casa non è stato raccolto, ma pare che i medici abbiano deciso di prolungare la procedura, consentendo ai parenti di trascorrere qualche ora in più al capezzale del piccolo.

“Siamo arrivati al capolinea della cultura della morte. Sono le istituzioni pubbliche, i tribunali, a decidere se un bambino ha o non ha il diritto di vivere. Anche contro la volontà dei genitori. Abbiamo toccato il fondo delle barbarie”, aggiunge Caffarra, che continua: “Siamo figli delle istituzioni, e dobbiamo la vita ad esse? Povero Occidente: ha rifiutato Dio e la sua paternità e si ritrova affidato alla burocrazia! L’ angelo di Charlie vede sempre il volto del Padre. Fermatevi, in nome di Dio. Altrimenti vi dico con Gesù: «Sarebbe meglio che vi legaste al collo una macina da mulino e vi gettaste nel più profondo del mare»”.

Parole dure, quelle del cardinal Caffarra, che contribuiscono assieme ad altre dichiarazioni alla rottura del silenzio sul caso da parte della Chiesa. Altri, invece, continuano a ritenere utile, forse decisiva, una presa di posizione di Bergoglio sulla vicenda. Il mondo dei cattolici tradizionalisti, però, sta alzando il tiro sul tema e non sembra disposta a lasciar passare neppure un secondo per continuare ad operare un tentativo di rimettere la decisione sulle sorti di Charlie nelle mani dei genitori.

(fonte: ilgiornale.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...