Don Nicola Bux: “Canzonette e balli trasformano la messa in un villaggio vacanze”

La Fede Quotidiana intervista Don Nicola Bux, il più famoso dei liturgisti italiani.

di Bruno Volpe (25-06-2017)

In un’intervista a La Fede Quotidiana Monsignor Vincenzo De Gregorio, Preside del Pims, aveva tacciato di buzzurri ed ignoranti quei sacerdoti che saltano e ballano durante le messe e, specie con riferimento allo scadimento della qualità delle musiche liturgiche, aveva parlato di ignoranza. Sul punto abbiamo ascoltato l’autorevole opinione del noto teologo ed esperto di liturgia don Nicola Bux.

Don Nicola Bux durante la Messa tridentina.

Don Bux, Monsignor De Gregorio parla di preti ignoranti…

Le ragioni di Monsignor De Gregorio non sono peregrine e mi riferisco sia alla poca conoscenza della musica, che alla preparazione culturale non sempre elevata, ma io aggiungerei un altro elemento.

Quale?

Una ignoranza di fondo della materia liturgica. Alcuni preti, non so se per carenza di studio o peggio ancora malafede, non si rendono conto della vera essenza della liturgia che è culto a Dio per la salvezza dell’anima. Tutto questo porta a gravi deformazioni della stessa liturgia sino al limite del sopportabile. In poche parole, esistono quelli che ignorano sia la natura che l’origine del luogo, il tempio, nel quale l’azione liturgica si svolge. L’etimologia della parola, tempio, significa posto, recinto sacro. E allora, se tale è, perché trasformarlo in una cosa che trascende il sacro?

Che cosa dire di applausi e balli durante le messe?

In Occidente non esiste il ballo sacro. Chi lo fa, scivola nel mondano e questo non ha nulla a che fare col culto a Dio. L’applauso, il ballo e le canzonette durante la messa la trasformano in un intrattenimento a sfondo religioso e basta, roba da villaggio turistico, celebrazioni nelle quali il prete funge da animatore con una pessima espressione. Ecco, appunto, diviene un banale intrattenimento mondano. Tutto questo è anche causato da ignoranza a cascata, cioè chi insegna alla nuove leve a sua volta non è adeguato.

Il Generale dei Gesuiti padre Sosa ha dichiarato che il demonio non esiste come entità fisica. Il teologo Bux che ne pensa?

Siamo ai cascami di quello che sostenevano certe produzioni dottrinali degli anni 70. Il paradosso è che queste affermazioni arrivano in un momento nel quale aumenta il numero degli esorcisti. Basterebbe chiedere a loro se esiste o non esiste. Si tratta di una asserzione ovviamente infondata ed azzardata che va contro la dottrina della Chiesa. Del resto non mi stupisco, perché viene da colui il quale qualche tempo fa, aveva detto che che all’epoca di Gesù non esisteva il registratore per accertarsi della fedeltà del Vangelo. E’ la connessione logica. Concordo con il commento di Monsignor Livi: le parole di padre Sosa forse rispecchiano le convinzioni reali di esponenti più elevati. Il problema attuale della Chiesa, assieme ad una certa confusione, è che molti ministri non credono più a quello che dovrebbero fedelmente rappresentare o diffondere.

(fonte: lafedequotidiana.it)

Annunci

One thought on “Don Nicola Bux: “Canzonette e balli trasformano la messa in un villaggio vacanze”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...