Che ne sarebbe di questo mondo senza i Chiostri?

Joris-Karl Huysmans (1848-1907), Per strada, trad. it., BUR Rizzoli, Milano 1961, p. 331.

«Ah! come sono felici!». L’abate rispose: «Troppo».

Poi dolcemente, a voce bassa: «Davvero! Entriamo qui per far penitenza, per mortificarci e abbiamo appena cominciato a soffrire che già Dio ci consola! È così buono che vuol ingannarsi sui nostri meriti. Se permette che in certi momenti il demonio ci perseguiti, ci dà in cambio tanta gioia che non c’è più proporzione tra la ricompensa e la pena. Talvolta mi domando come possa sussistere ancora l’equilibrio che le monache e i monaci sono incaricati di mantenere, perché né gli uni né le altre soffrono abbastanza per neutralizzare le offese continue delle città».

L’abate si interruppe, poi riprese pensoso: «Il mondo non concepisce neppure che le austerità delle abbazie possano arrecargli vantaggio. La dottrina della sostituzione mistica gli sfugge completamente. Non può capire che, quando si tratta di subire una pena meritata, la sostituzione dell’innocente al colpevole è necessaria. Tanto meno si spiega che, volendo patire per gli altri, i monaci allontanino le collere celesti e stabiliscono una solidarietà nel bene che fa da contrappeso all’unione del male. Eppure Dio sa da quali cataclismi questo mondo sarebbe minacciato se, in seguito all’improvviso sparire di tutti i chiostri, l’equilibrio che lo salva venisse rotto».

(fonte: romualdica.blogspot.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...