L’Amoris Laetitia e la dimenticanza della Fede

Le questioni che riguardano la sostanza della Fede legate a come l’Esortazione affronta lo stato dei “divorziati-risposati” sono tre.

di Corrado Gnerre (16-04-2016)

Sull’esortazione post-sinodale Amoris Laetitia molto è stato scritto. Sono state fatte analisi accurate per cui non mi sembra opportuno scrivere qualcosa di analitico. Ciò che ritenevo importante dire sul Documento l’ho affermato nel comunicato de Il Cammino dei Tre Sentieri e in un intervento per la Confederazione Civiltà Cristiana.

Detto ciò, mi sembra però che siano mancate nei commenti finora scritti alcune considerazioni relative a questioni indirettamente legate al punto che ha attirato l’attenzione, ovvero quello riguardante i cosiddetti “divorziati-risposati” e la loro eventuale possibilità di accostarsi all’Eucaristia.

Ma a quali questioni alludo? A quelle che riguardano la sostanza della Fede. Lo so che ciò che sto dicendo è molto grave, “grave” nel senso che è legato a questioni fondamentali (cosa c’è di più fondamentale della Fede?), ma sento che anche su questo versante non si possa tacere. Chiedo però la carità di venir adeguatamente ripreso se le brevi osservazioni che mi accingo a fare siano del tutto fuori luogo.

Vengo al dunque. Le questioni che riguardano la sostanza della Fede legate a come l’Esortazione affronta lo stato dei “divorziati-risposati” sono tre:

  1. la Fede da esercitare nella prova
  2. la Fede da esercitare nella fedeltà
  3. la Fede da esercitare nell’educazione

La Fede da esercitare nella prova

Nell’Esortazione, precisamente alla nota n.329, si fa riferimento alla questione della continenza che secondo la Familiaris Consortio di Giovanni Paolo II è assolutamente necessaria per quei “divorziati-risposati” che dovessero continuare a vivere insieme ma nello stesso tempo volessero conformarsi pienamente alla Legge di Dio.

Ebbene, tutti sanno che nell’Esortazione è detto che in questi casi una continenza completa potrebbe pregiudicare il mantenimento della fedeltà. Ora, un’affermazione di questo tipo fa specie per due motivi.

Primo: perché ci si preoccupa che si conservi la fedeltà all’interno di un rapporto illegittimo e concubinario trascurando del tutto il rispetto alla vera fedeltà che è invece quella all’interno del legittimo matrimonio. Come la mettiamo con tutti quei casi — e non sono pochi — in cui coniugi abbandonati rimangono fedeli al legittimo matrimonio continuando a pregare per l’altra metà di se stessi che si è perso?

Secondo: perché si trascura completamente un dato consolidato e pregiudiziale della Teologia Spirituale che è quello della fedeltà a Dio e della fedeltà di Dio. Paradossalmente, nella nota 329 per pensare alla fedeltà posticcia in un rapporto illegittimo non si pensa alla fedeltà che si deve a Dio e alla fedeltà di Dio che mai viene meno nei nostri confronti. Mi spiego. Può Dio chiedere cose impossibili? Assolutamente no. Dio non può mai permettere delle prove al di sopra delle possibilità degli uomini. Dio, quando permette delle prove dure, offre anche la grazia necessaria e sufficiente per viverle cristianamente. Sant’Alfonso soleva dire: “Chi prega si salva, chi non prega non si salva!”, a significare che Dio mai viene meno alle sue promesse e se si chiede il suo aiuto qualsiasi difficoltà della vita può essere cristianamente affrontata.

Inoltre, affermare che la continenza completa potrebbe pregiudicare la fedeltà significa alla fine permettere tutto. Infatti, come la mettiamo quando in un matrimonio uno dei due coniugi dovesse ammalarsi a tal punto da essere impedito ai rapporti coniugali? Si potrebbe in questo caso derogare e “sostituire” il coniuge con qualcun altro? Darebbe nausea solo il pensarlo!

La Fede da esercitare nella fedeltà

L’Esortazione, trattando dei “divorziati-risposati”, è preoccupata di scorgere bagliori di bene soggettivi anche in mali oggettivi. Per la serie: non esiste il peccato come atto intrinsecamente cattivo, bensì ogni peccato è di fatto una sorta di bene dimezzato. Qui però c’è un equivoco di fondo ed è questo: un conto sono le disposizioni singole che possono essere giudicate solo da Dio in foro interno, altro è scorgere comportamenti individuali oggettivamente buoni in situazioni di oggettività del male. Faccio un esempio. Due terroristi stanno per recarsi in un luogo affollato per farsi esplodere. Ad un tratto uno dei due distrattamente sta per essere investito da un auto, ma l’incidente è evitato perché l’altro “generosamente” si getta sulla strada per fargli evitare l’impatto rischiando anch’egli di essere investito. In sé il gesto del compagno sembrerebbe essere generoso e positivo, ma in quella situazione non lo è, anzi è perfino negativo. Evitando che l’altro venga investito, viene salvato il progetto terroristico. Se invece l’incidente fosse avvenuto, l’azione terroristica sarebbe stata scongiurata.

Torno a ripetere: un conto sono le disposizioni soggettive, altro i comportamenti individuali oggettivamente buoni, ma che in un contesto cattivo diventano anch’essi oggettivamente tali. Ciò perché i gesti si giudicano dal loro fine. Un conto è se aiuto un amico a non farsi del male, altro è se l’aiuto affinché insieme possiamo andare ad uccidere degli innocenti.

La Fede da esercitare nell’educazione

Dire che bisogna sforzarsi di salvaguardare la pace all’interno di un’unione illegittima affinché non si possa pregiudicare la crescita armonica dei figli è di per sé un’affermazione condivisibile, ma sul piano solamente umano. Si tratta del “quieto vivere”. Ma se si passa al piano soprannaturale le cose cambiano. L’educazione non sempre deve perseguire la pura e semplice conservazione della tranquillità che molte volte è solo codarda conservazione di una comodità. L’educazione è testimoniare, fino al martirio, la fedeltà al Vero. Un coniuge “divorziato-risposato” che decidesse di vivere la continenza completa insegnerebbe moltissimo ai figli, perlomeno farebbe capire loro di non fare lo stesso errore che ha fatto lui. Viceversa il messaggio sarebbe completamente diverso.

Conclusione

Quale educazione allora ci accingiamo a dare ai nostri figli con messaggi di questo tipo? Li prepariamo a volare alti, oppure a conformarsi sempre più ad un mondo che offre come unica prospettiva la riduzione bestiale della tirannia degli istinti?

FONTE: riscossacristiana.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...