I cattolici non possono accettare gli elementi dell’Esortazione Apostolica che minacciano la Fede e la famiglia

L’articolo è stato pubblicato sul sito dell’organizzazione inglese Voice of the Family, l’8 aprile 2016 col titolo: Catholic cannot accept elements of Apostolici Exhortation that threaten Faith and family. Tradudizione di UnaVox.

La promulgazione dell’Esortazione Apostolica Amoris Laetitia da parte di Papa Francesco, segna la conclusione di un processo sinodale che è stato dominato dai tentativi volti a minare la dottrina cattolica su questioni relative alla vita umana, al matrimonio e alla famiglia; su questioni che comprendono, ma che non si limitano, l’indissolubilità del matrimonio, la contraccezione, i metodi artificiali di riproduzione, l’omosessualità, l’“ideologia del gender” e i diritti dei genitori e dei figli. Questi tentativi di distorcere l’insegnamento cattolico indeboliscono la testimonianza della Chiesa sulle verità di ordine naturale e soprannaturale e minacciano il benessere della famiglia, specialmente dei suoi membri più deboli o più vulnerabili.

L’Esortazione Apostolica Amoris laetitia è un documento molto lungo, che affronta una vasta quantità di argomenti relativi alla famiglia. Numerosi passi riflettono fedelmente l’insegnamento cattolico, ma questo non può in alcun modo attenuare la gravità dei passi che minano l’insegnamento e la pratica della Chiesa cattolica.

Voice of the Family, nel corso dei giorni e delle settimane a venire, intende presentare delle analisi complete dei seri problemi che pone il testo.

Voice of the Family presenta le seguenti iniziali preoccupazioni col più grande rispetto per l’ufficio papale e unicamente in ragione del desiderio sincero di assistere la gerarchia nella proclamazione dell’insegnamento cattolico sulla vita, il matrimonio, la famiglia, e per promuovere il bene autentico della famiglia e dei suoi membri più vulnerabili.

e3209fa4-bc93-3e1c-869c-446b6fad8d3bNoi riteniamo che nel sollevare i seguenti problemi, compiamo il nostro dovere come indicato chiaramente nel Codice di Diritto Canonico:

«In modo proporzionato alla scienza, alla competenza e al prestigio di cui godono, essi hanno il diritto, e anzi talvolta anche il dovere, di manifestare ai sacri Pastori il loro pensiero su ciò che riguarda il bene della Chiesa; e di renderlo noto agli altri fedeli, salva restando l’integrità della fede e dei costumi e il rispetto verso i Pastori, tenendo inoltre presente l’utilità comune e la dignità delle persone.» (Canone 212 § 3).

Ammissione dei divorziati-risposati alla Santa Comunione

Amoris Laetitia, nel corso del capitolo 8, paragrafi 291-312, propone numerosi approcci che preparano la via all’accesso alla Santa Comunione dei cattolici divorziati-risposati, senza vero pentimento né cambiamento di vita. Questi paragrafi presentano:

  1. Un’esposizione confusa dell’insegnamento cattolico sulla natura e gli effetti del peccato mortale, sull’imputabilità del peccato e sulla natura della coscienza.
  2. L’utilizzo di un linguaggio ideologico invece della terminologia tradizionale della Chiesa.
  3. Il ricorso a delle citazioni isolate e scorrette tratte dai documenti ecclesiali anteriori.

Un esempio particolarmente preoccupante di una citazione inesatta dell’insegnamento anteriore si trova al paragrafo 298, che cita la dichiarazione di Papa Giovanni Paolo II nella Familiaris Consortio, che esistono situazioni in cui «l’uomo e la donna, per seri motivi – quali ad esempio l’educazione dei figli – non possono soddisfare l’obbligo della separazione».

Ma in Amoris Laetitia viene omessa la seconda parte della frase di Giovanni Paolo II, che afferma che essi «assumono l’impegno di vivere in piena continenza, cioè di astenersi dagli atti propri dei coniugi» (Familiaris Consortio, n° 84).

Per di più, nella nota a pie’ di pagina a questa citazione leggiamo: «In queste situazioni, molti, conoscendo e accettando la possibilità di convivere “come fratello e sorella” che la Chiesa offre loro, rilevano che, se mancano alcune espressioni di intimità, “non è raro che la fedeltà sia messa in pericolo e possa venir compromesso il bene dei figli” (Conc. Ecum. Vat. II, Cost. past. Gaudium et Spes, 51)»

Il documento fa riferimento a questa veduta erronea, ma non spiega perché si tratta di un falso approccio, vale a dire che:

  • Tutti gli atti sessuali al di fuori di un matrimonio valido sono intrinsecamente cattivi e non è mai giustificabile commettere un atto intrinsecamente cattivo, anche al fine di ottenere un fine buono;
  • “La fedeltà è messa in pericolo” dagli atti di intimità sessuale al di fuori del matrimonio, ma la fedeltà si vive quando due individui coinvolti in una unione non valida si astengono dall’intimità sessuale per rimanere fedeli alla loro unione originale, che rimane valida;
  • La citazione implica che i bambini soffriranno perché i genitori, con l’aiuto della grazia divina, vivono in castità. Al contrario, questi genitori daranno ai loro figli un esempio di fedeltà, di castità e di fiducia nel potere della grazia di Dio.

Il documento cita Gaudium et Spes, ma il passo è citato fuori dal contesto e non sostiene l’argomento addotto. Il contesto esprime chiaramente che Gaudium et Spes parla dei cattolici sposati, nel contesto della procreazione, e non di quelli che coabitano in una unione invalida. Ecco la frase intera: «Là dove, infatti, è interrotta l’intimità della vita coniugale, non è raro che la fedeltà sia messa in pericolo e possa venir compromesso il bene dei figli: allora corrono pericolo anche l’educazione dei figli e il coraggio di accettarne altri.» (Gaudium et Spes, n° 51).

È quindi difficile evitare di concludere che l’Esortazione Apostolica stia almeno tentando di avanzare la possibilità che gli atti sessuali adulteri possano in certi casi essere giustificati e che citi malamente la Gaudium et Spes per dare fondamento a questo tentativo.

Altri approcci che minano la dottrina cattolica sulla ricezione dei sacramenti saranno discussi da Voice of the Family a tempo debito.

Diritti parentali ed educazione sessuale

Amoris Laetitia include una sezione intitolata: “Sì all’educazione sessuale” (paragrafi 280-286). Questa sezione si estende per più di cinque pagine senza fare nemmeno un riferimento ai genitori. Per contro si fa riferimento alle “istituzioni educative”. Eppure l’educazione sessuale è un “diritto e dovere fondamentale dei genitori”, e “deve attuarsi sempre sotto la loro guida sollecita, sia in case sia nei centri educativi da essi scelti e controllati” (Giovanni Paolo II, Familiaris Consortio, n° 37). L’omissione di questo insegnamento tradisce gravemente i genitori in un momento in cui i diritti parentali in materia di educazione sessuale subiscono un pesante grave attacco in molte nazioni del mondo e presso le istituzioni internazionali.

In questa sezione Amoris Laetitia non cita alcuno dei precedenti documenti della Chiesa, che affermano chiaramente questo diritto; per contro, cita uno psicoanalista, Erich Fromm, legato alla scuola di Francoforte. I precedenti riferimenti che il documento fa sui diritti dei genitori (paragrafo 84), mentre sono benvenuti, non possono compensare l’esclusione dei genitori da questa sezione.

Unioni omosessuali

Amoris Laetitia, seguendo un approccio simile a quello precedentemente adottato nei documenti sinodali, suggerisce che “le unioni omosessuali” possono offrire una “certa stabilità” e possono avere una sorta di somiglianza o relazione col matrimonio. Si afferma che: «Dobbiamo riconoscere la grande varietà di situazioni familiari che possono offrire una certa regola di vita, ma le unioni di fatto o tra persone dello stesso sesso, per esempio, non si possono equiparare semplicisticamente al matrimonio.» (Paragrafo 52).

C’è grande pressione da parte delle istituzioni internazionali per il rifiuto della tradizionale comprensione della famiglia, attraverso l’adozione di un linguaggio che si riferisce alla “varietà” o “diversità” nelle forme della famiglia. L’implicazione che “le unioni tra persone dello stesso sesso” facciano parte della “grande varietà di situazioni familiari” è esattamente quello che i gruppi pro-famiglia stanno combattendo duramente per opporvisi. Usando un tale linguaggio, l’Esortazione Apostolica mina il lavoro del movimento pro-famiglia volto a proteggere la vera definizione di famiglia e, di conseguenza, a proteggere i bambini, che dipendono dalla struttura della famiglia voluta da Dio per il loro benessere e il loro sano sviluppo.

Va notato che, al paragrafo 251, viene ribadito l’autentico insegnamento della Chiesa, che “non esiste fondamento alcuno per assimilare o stabilire analogie, neppure remote, tra le unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia”.

Ideologia del gender

Amoris Laetitia approva un aspetto centrale dell’“ideologia del gender”, affermando che
“Non si deve ignorare” che “sesso biologico (sex) e ruolo sociale-culturale del sesso (gender), si possono distinguere, ma non separare” (paragrafo 56).

Questa accettazione del principio di base della teoria del genere mina la critica a questa ideologia e ai suoi effetti avanzata opportunamente dal documento. La falsa nozione che il sesso biologico sia distinguibile dal cosiddetto “genere”, venne proposta per la prima volta negli anni 1950 e costituisce il fondamento della “ideologia del gender”. L’opposizione alle conseguenze dell’“ideologia del gender” diventa impossibile se si accetta il suo errato principio primo.

Gli attacchi alla vita umana innocente

Amoris Laetitia non riesce a cimentarsi con la gamma delle minacce contro i bambini non ancora nati, gli anziani e i disabili. Stime prudenti indicano che nel corso dell’ultimo secolo sono state distrutte con l’aborto oltre un miliardo di vite non ancora nate.

In un documento che affronta le sfide alla famiglia, lungo 263 pagine, ci sono solo un piccolo numero di passi che si riferiscono all’aborto. Non vi è alcuna menzione della distruzione causata dai metodi artificiali di riproduzione, che anch’essi hanno portato alla perdita di milioni di vite umane. In questo contesto, l’assenza di una seria discussione sugli attacchi portati alla vita nascente è una grave omissione.

C’è anche un infimo riferimento all’eutanasia e al suicidio assistito, nonostante la crescente pressione per la loro legalizzazione in tutto il mondo. La mancanza di una adeguata discussione su questa minaccia è un’altra omissione molto deplorevole.

Contraccezione

Amoris Laetitia non riesce a ribadire in modo adeguato la dottrina cattolica sull’uso della contraccezione. Questa è una mancanza preoccupante dato che

a) la separazione del fine procreativo da quello unitivo nell’atto sessuale è un importante catalizzatore per la cultura della morte e dato che

b) vi sono una diffusa disobbedienza e un’ignoranza della dottrina della Chiesa in questo campo precisamente a causa del fallimento della gerarchia nel comunicare questa verità.

Nel documento, la discussione sulla coscienza è ugualmente viziata sia al paragrafo 222, che si occupa di “paternità responsabile”, sia nel capitolo VIII, che si occupa dell’ammissione ai sacramenti di quelli che vivono come pubblici adulteri. Il paragrafo 303 è particolarmente preoccupante, soprattutto nella seguente asserzione: «Ma questa coscienza può riconoscere non solo che una situazione non risponde obiettivamente alla proposta generale del Vangelo; può anche riconoscere con sincerità e onestà ciò che per il momento è la risposta generosa che si può offrire a Dio, e scoprire con una certa sicurezza morale che quella è la donazione che Dio stesso sta richiedendo in mezzo alla complessità concreta dei limiti, benché non sia ancora pienamente l’ideale oggettivo. In ogni caso, ricordiamo che questo discernimento è dinamico e deve restare sempre aperto a nuove tappe di crescita e a nuove decisioni che permettano di realizzare l’ideale in modo più pieno.»

Questa affermazione sembra adottare una falsa comprensione della “legge della gradualità” e suggerisce che ci sono alcune occasioni in cui il peccato è non solo inevitabile, ma anche attivamente voluto da Dio per quella persona. Chiaramente, questo sarebbe inaccettabile.

Conclusione

La presente è solo una breve introduzione ai molto numerosi problemi riscontrati nell’Amoris Laetitia. Ci vorranno ulteriori studi per delineare pienamente tutte le implicazioni del testo, ma è già abbondantemente chiaro che il documento non riesce a fornire una chiara e fedele esposizione della dottrina cattolica e porta inevitabilmente a conclusioni che potrebbero implicare la violazione della dottrina immutabile la Chiesa cattolica e di quelle discipline che sono strettamente fondate su di essa.

Il nostro iniziale sguardo d’insieme fornisce un motivo sufficiente per considerare questo documento come una minaccia per l’integrità della fede cattolica e l’autentico bene della famiglia.

Ribadiamo ancora una volta che facciamo queste critiche con grande riverenza per l’ufficio del papato, ma con la consapevolezza dei nostri doveri come laici cattolici verso il bene della Chiesa, e dei nostri doveri come soggetti pro-vita/pro-famiglia che lavorano per proteggere la famiglia e i suoi membri più vulnerabili.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...