“Una volta ci si vergognava del peccato, oggi è un vanto”

“Il relativismo ci conduce all’arroganza dell’ amoralità. Accade questo quando pensiamo di sostituire l’Io a Dio”: lo afferma Sua Eccellenza Monsignor Krzysztof Josef Nykiel, vescovo polacco e Reggente della Penitenzieria Apostolica.

di Bruno Volpe (12-03-2016)

“Il relativismo ci conduce all’arroganza dell’amoralità. Accade questo quando pensiamo di sostituire l’Io a Dio”: lo afferma Sua Eccellenza Monsignor Krzysztof Josef Nykiel, vescovo polacco e Reggente della Penitenzieria Apostolica.

Mons. Nykiel

Eccellenza, qual è l’importanza del sacramento della confessione?

Diciamo che la confessione è una sorta di pulizia dell’animo dell’uomo, permette la purezza del cuore e ci consente di accostarci degnamente alla infinita misericordia di Dio e gustarla. Dio sa perdonare i nostri peccati, anzi ci aspetta e ci dice che ad un cuore davvero contrito sono perdonati anche i peccati più gravi. Per questo è bene avvicinarci con serenità e fiducia al sacramento della riconciliazione e al confessionale che è la porta della divina misericordia.

Il Papa da tempo batte su questo…

Fa benissimo. Il Pontefice ci vuole dire che il cuore di Dio aspetta con pazienza tutti e che nessuno deve sentirsi escluso dalla possibilità del perdono, basta volerlo. Il confessore, dal canto suo, è ministro del sacramento, ma non padrone. Occorre, dunque, avere tenerezza e fare capire che la Chiesa è madre e sorella, sempre piena di carità.

È necessario un buon esame di coscienza?

Quello non solo è necessario, ma indispensabile. Perchè la confessione sia efficace e valida occorre la reale volontà del penitente a cambiare vita, alla conversione e alla riparazione del danno. La misericordia che mai è distaccata dalla giustizia, ha bisogno del sincero pentimento, della volontà di non tornare a compiere il male e soprattutto la riparazione . Altrimenti non vale.

Talvolta si sente dire anche da credenti, “non vado a confessarmi davanti al prete, è pur sempre un uomo…”.

Questa è una visione sbagliata ed anche piena di orgoglio insano. Siamo nell’arroganza, un atto di superbia. Penso che questo modo di ragionare, che effettivamente esiste, è figlio del relativismo che ci porta a quella che io chiamo l’arroganza dell’amoralità. Succede quando l’uomo pensa di essere onnipotente e di sostituire l’io a Dio. Prima quando uno commetteva un peccato, se ne vergognava,oggi niente affatto, talvolta ci si vanta persino. È quella che amo definire arroganza dell’amoralità.

Pensa che si parli a sufficienza del peccato?

Il più grande peccato è quello di non parlarne o di parlarne poco ed oggi questo spesso succede. Bisogna invece ricordare che lontano da Dio e fuori della Chiesa non esiste salvezza. Inoltre se la misericordia di Dio è infinita, è bene rimarcare che ha sempre bisogno della giustizia.

FONTE: lafedequotidiana.it

Annunci

2 pensieri riguardo ““Una volta ci si vergognava del peccato, oggi è un vanto”

  1. “… lontano da Dio e fuori della Chiesa non esiste salvezza …” ovvero
    “Extra Ecclesiam nulla salus” (san Cipriano)
    dunque
    1) ebrei, musulmani, buddisti, animisti, sikh, atei, protestanti … si danneranno.
    2) ecumenismo e dialogo interreligioso sono opera del demonio.

    Gesù Cristo è l’UNICO VERO DIO e SALVATORE.
    Confondere tutte le religioni come se fossero tutte uguali,
    significa ammettere che un uomo si possa salvare anche senza Gesù.
    Non è vero che ogni religione è di per sé buona per salvarsi;
    è come mettersi dinanzi a Gesù in Croce è dirgli:
    “Perché ti sei fatto uomo?
    Perché hai sofferto così tanto?
    La tua sofferenza è stata inutile.”
    Chi avrebbe il coraggio di dire queste cose a Gesù?

    Qualcuno ricordi a papa Bergoglio:
    “Andate in tutto il mondo e
    proclamate il Vangelo a ogni creatura.
    Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato,
    ma chi non crederà SARA’ CONDANNATO!”
    (Marco 16,16)

    Buona domenica
    Viva Cristo Rey! Viva!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...