“Ho peccato in pensieri, parole, opere e omissioni”

Gesù ha detto: “ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore” (Mt. 5,28). Come vediamo, per compiere il peccato non basta il pensiero. È necessario anche il desiderio.

Continua a leggere ““Ho peccato in pensieri, parole, opere e omissioni””

Nostra Signora di Anguera, messaggio del 22-01-2016

Cari figli,

confidate pienamente in Mio Figlio Gesù. Lui è la certezza della vostra vittoria. Piegate le vostra ginocchia in preghiera, poiché solamente così potrete comprendere i Disegni di Dio per la vostra vita.

Molti avvenimenti nell’umanità portano gli uomini a pensare che Dio li ha abbandonati, ma Dio non abbandona i Suoi Figli.

I vostri dubbi e incertezze sono interferenze del demonio. Non lasciatevi fare schiavi. Voi siete unicamente del Signore e Lui vi ama e vi perdona. Vi chiedo di mantenere accesa la fiamma della vostra Fede.

Gli uomini camminano verso le tenebre del peccato e ogni giorno cresce il numero di coloro che vanno perdendosi eternamente. Tornate in fretta. Convertitevi. Siate solamente del Signore. Voi siete nel mondo ma non siete del mondo.

L’umanità berrà ancora il calice amaro della sofferenza. La ribellione degli uomini contro il Creatore attirerà Grandi Castighi. Soffro per quello che vi attende. Pregate. Pregate. Pregate.

Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto in nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta.

Io vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Restate in Pace.

A lezione di economia di mercato dal grande card. George Pell

L’economia di mercato è qui per restare, per essere studiata e migliorata», perché al momento non vi sono «modelli migliori disponibili». Con queste parole, distanti da ogni utopia, si è espresso il cardinale George Pell, Segretario del dicastero vaticano per l’Economia, a una tavola rotonda sull’economia globale.

Continua a leggere “A lezione di economia di mercato dal grande card. George Pell”