Famiglia, omosessuali, divorziati risposati. «La Chiesa è già aperta, e senza dottrina è una casa che si sgretola»

Il cardinale Robert Sarah, “numero quattro della Curia”, parla del Sinodo e non solo. «Peccato che l’amore nei confronti di papa Francesco resti a livello superficiale».

di Leone Grotti

«Io faccio parte di quelli – e siamo in tanti – che non lasceranno che la pastorale sostituisca la dottrina». Così cardinale Robert Sarah, prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, ha dichiarato al Journal du Dimanche all’interno di una lunga intervista. Il cardinale africano, definito “il numero quattro della Curia”, consigliere di papa Francesco per quanto riguarda il suo viaggio di dicembre in Africa, si è dilungato sui temi della famiglia, della politica, del Sinodo straordinario e di quello ordinario.

Elector: Guinean Cardinal Robert Sarah«TRADIZIONE È UN TESORO». A chi gli chiede se la Chiesa cattolica debba aprirsi su temi come comunione a divorziati risposati, unioni gay o nuove famiglie, risponde: «Ma la Chiesa è già aperta! I divorziati hanno il loro posto, così come i loro figli. Stessa cosa per gli omosessuali, che devono essere accompagnati nel loro cammino di fede». Ora però si parla di aprirla ancora di più: «La tradizione è un tesoro da conservare (…). Perché la Chiesa, ora che è entrata nel terzo millennio della sua storia, dovrebbe cambiare? Sulle questioni appena citate, Dio è chiaro. La famiglia è composta da un uomo e una donna. Giovanni Paolo II si è pronunciato senza ambiguità sui risposati. Non possono fare la comunione».

«È IL PAPA CHE DECIDE». Sarah è stato nominato vescovo in Guinea a 34 anni da Giovanni Paolo II e creato cardinale nel 2010 da Benedetto XVI. L’arcivescovo emerito di Conakry ci tiene a precisare sul Sinodo: «Il Sinodo non ha alcun potere dottrinale, ma solo pastorale. I vescovi fanno delle proposte discrete al Papa. Si tratta di esortazioni. Curare qualcuno è compito della pastorale ma la composizione delle medicine riguarda la dottrina. In ultima istanza, è il Papa che decide. La dottrina è il fondamento senza il quale la casa si sgretola».

CONTRO L’ONU. Da africano, il cardinale ha molte critiche da fare all’Occidente: «Personalmente, mi sono impegnato contro il ricatto delle Nazioni Unite, che impongono agli Stati africani il culto del gender in cambio di aiuti allo sviluppo. Cercano di imporre una visione della famiglia occidentale. (…) Tutta la morale, tutti i valori cristiani sono stati relativizzati. I giovani non hanno più punti di riferimento. Non è attaccando la famiglia, che si protegge la società. Direi piuttosto che è il contrario. La famiglia è la cellula umana più avversata in Occidente», anche dal punto di vista «finanziario ed economico. Io penso, come cristiano, che sia arrivato il momento di rimettere Dio al centro della società».

«LA CHIESA NON FA POLITICA». Infatti, in questo momento l’Occidente vive «una crisi antropologica», «una società senza Dio, una società secolarizzata non può rispondere ai bisogni dell’uomo». Ma la Chiesa non fa politica, Gesù «non si è occupato dell’impero romano», «la nostra battaglia è Cristo, il nostro punto di riferimento è il Vangelo». Questo non significa non occuparsi di ciò che succede nella società: «In Francia voi avete manifestato contro la volontà di legiferare e imporre agli altri questa visione occidentale del mondo». Così come in Guinea «ho resistito a un potere che voleva distruggere la Chiesa». Però la «Chiesa non manda messaggi politici», deve «formare, educare, curare».

«AMORE SUPERFICIALE». Secondo il cardinale Sarah, è proprio quello che fa papa Francesco: «I media hanno deciso che questa Papa è politico. Ma per me non è così. (…) Noi siamo molto contenti [della sua enorme popolarità]. Anche se a volte mi dispiace che questo amore sia un po’ superficiale. I fedeli si ammassano per vedere il Papa, lo toccano, lo fotografano ma i preti italiani poi constatano che le loro chiese si svuotano…».

© Tempi (09/03/2015)

Annunci

2 pensieri riguardo “Famiglia, omosessuali, divorziati risposati. «La Chiesa è già aperta, e senza dottrina è una casa che si sgretola»

  1. «Ma la Chiesa è già aperta! I divorziati hanno il loro posto, così come i loro figli.
    Dove si trova questo posto? Si può avere un indirizzo oppure è solo una virtualità?
    Le parole sono belle, basta saperle mettere in ordine, ma quando si parla agli uomini, bisogna parlare con il cuore e con atti e fatti concreti. Io non sono degno di comunicarmi, ho peccato e chiedo perdono a Dio, ma indietro non posso tornare. Se lei si ritiene degno, accompagni anche me sull’altare della Misericordia. Antonio Russo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...